Passa ai contenuti principali

Il ricordo... di una gita!!!


PENNE ALLA VODKA
(dosi valide per 2/3 persone)
Ingredienti:
200 gr. di pomodori pelati a dadini; 1 spicchio d'aglio; 1/2 cipolla; 140 gr. di penne rigate; 0,50 dl. di vodka (non aromatizzata); 100 ml. di panna da cucina; qualche fogliolina di basilico spezzettata; 2 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva; sale e peperoncino q. b.; parmigiano o grana grattugiato (facoltativo).
Preparazione:
Preparate il condimento (quest'ultimo è valido per 3 persone, la pasta ovviamente no). Sbucciate l'aglio ed intero immergetelo nel bicchierino di liquore. In una capace padella, mettete a scaldare l'olio con il sale ed il peperoncino, fate appassire la cipolla finemente tritata e poi unite i pomodori pelati.
Fate cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti; alzate un po' la fiamma ed unite la vodka senza lo spicchio d'aglio e fate evaporare. Riabbassate la fiamma ed aggiungete la panna ed il basilico. Fate cuocere sino alla completa amalgama degli ingredienti per altri 8/10 minuti, assaggiate per vedere se manca sale o peperoncino, per tastare se i pomodori sono cotti e poi spegnete.
Nel frattempo fate lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nella padella del condimento. Riaccendete il fuoco al minimo e cominiciate a mescolare il tutto. Spolverate di formaggio se volete e servite.
La prima volta che mangiai questo piatto, che nonostante la sua semplicità ha incontrato il favore di palati anche abbastanza sofisticati, è stata in gita a Roma, durante l'anno della maturità.. mi piacque così tanto che non appena rientrai a casa ho provato a rifarla. Ovviamente non so se è la ricetta giusta, fatto sta che davvero piace a tutti e per quanto concerne la vodka, no problem; vale lo stesso discorso per le bagne a base di liquore nei dolci, in cottura l'alcool evapora.

Vino consigliato: CORVO ROSATO "DUCA DI SALAPARUTA"
Un buon vino di produzione siciliana, dal colore rosato brillante con riflessi ciliegia. Il suo profumo è ricco; fragrante ed elegantemente fruttato con sentore di piccoli frutti di bosco; al sapore invece risulta armonico; di buon corpo; vivace; brioso e mediamente persistente.
E' un vino da bere giovane, al massimo entro due anni dall'imbottigliamento e si abbina con antipasti ricchi; primi vari, nonché a piatti a base di pesce o carni bianche.

Commenti

  1. le penne alla vodka le ho sempre volute provare mi sa che segno la tua ricetta sono davvero gustose!!baci imma

    RispondiElimina
  2. Imma che sorpresa... sì sono davvero buone, provale e poi mi farai sapere! Baci

    RispondiElimina
  3. Mi son detta:"A me 'sta persona mi piace proprio...quanto vado a vedere!"
    Ho visto, gradito e, da oggi, seguito.
    Complimenti alla tua simpatia ...ma del resto in noi palermitani, questa è una dote innata.Baci,Roby

    RispondiElimina
  4. Roby.. che gioia GRAZIE!
    Mi ricollego al tuo post.. le scuse erano perchè mi sembrava di essere stata senza volerlo invadente, perchè mi dispiaceva pensassi che ti volevo monopolizzare; approfittare di un tuo spazio o che ne so... però se tu ti sei sentita lusingata ed hai centrato in pieno il mio pensiero.. non posso che essere stracontenta!!!!!!
    Bacioni

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Monsieur le savarin... ehm no, ò babà!!!

BABA' AL RHUM (dosi valide per 12 stampini 6x6 cm) Ingredienti: 300 gr di farina Manitoba; 3 uova grandi; 100 gr di burro; 100 gr di latte; 25 gr di zucchero semolato ; 10 gr di lievito di birra; 1/2 cucchiaino di sale; burro q.b. Bagna: 400 gr di zucchero semolato; la buccia di 2 arance; la buccia di 2 limoni; 3 dl di rhum; 1 lt d'acqua; un baccello di vaniglia; 4 chiodi di garofano. Glassatura: Un cucchiaio di rhum; 3 cucchiaini di gelatina d'albicocche; 3 cucchiai d'acqua. Preparazione: * Lievitino Sciogliere il lievito di birra con 50 gr di latte tiepido ed un cucchiaino di zucchero, farlo riposare una decina di minuti e poi impastarlo con 70 gr di farina (tutto da decurtare dal totale generale). Lasciar lievitare sino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito e ben strizzato. * Primo impasto Versare in una ciotola la restante farina, fare la fontana. Unire il lievitino e le 3 uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l&#

Il Ghostmisù

Link:  https://www.mtchallenge.it/2016/11/19/ghostmisu/ Ghostmisù (dosi generali valide per 4/6 persone) Bagna – Ingredienti: 200 ml d’acqua 100 gr di zucchero semolato 80 ml di Tequila Preparazione: Su fuoco dolce mettere a scaldare l’acqua e lo zucchero sino al completo scioglimento dello stesso. Appena raggiunto un leggero bollore, unire la Tequila e mescolare. Far evaporare leggermente l’alcool, spegnere il fuoco. Travasare in una capace ciotola e tenere da parte. *Usare preferibilmente tiepida o il grado d’assorbimento dei biscotti, cambia. Crema di mascarpone – Ingredienti: 400 gr di mascarpone 2 cucchiai *da minestra di zucchero semolato 2 uova di medie dimensioni a temperatura ambiente Preparazione: Separare i tuorli dagli albumi. Mantecare il mascarpone con lo zucchero, unire i tuorli ed amalgamare il tutto, sino ad ottenere una crema liscia e senza grumi. Montare a neve ferma gli albumi. Aggiungere la massa montata, un cucchiaio per volta, al co

L'ultimo MTC... lo famo strano!!!

L'ultimo giorno di gara per l' MTC , in tutti i sensi della parola... perché con oggi si chiude un cerchio, esattamente nel modo in cui è cominciato: con la tortilla di patate. 8 anni fa apriva le danze di questo splendido gioco   Alessandra   mentre la chiusura spetta invece a Mai  del blog "Il colore della curcuma". 72 sfide, 6 libri pubblicati, tanti blog partecipanti almeno 50 o forse anche più, molti vincitori, parecchie lezioni  di cucina imparate, ecc. Ho cominciato a giocare dalla 3 sfida in poi ma purtroppo non le ho seguite tutte, mi spiace finisca tutto qui, mi spiace che la formula cambi ma da gioco istruttivo diventerà una vera  e propria scuola di cucina, in bocca al lupo agli alunni e buon lavoro agli insegnanti. Ricordo come fosse ieri l'imbarazzo quando mi sono proposta di partecipare per la prima volta, non mi sentivo all'altezza; ricordo quando ho detto a mio marito: "Sai adesso comincerò a giocare con l'MTC"