Passa ai contenuti principali

Visto che ti piace... pluff!!!


(dosi valide per 2/4 persone)
Ingredienti:
2 melanzane; 200 gr. di robiola; 100 gr. di prosciutto cotto a dadini; 10/15 acini di uva bianca; 1 cucchiaino di olio extra vergine d'oliva; pepe verde macinato; coriandolo fresco tagliuzzato finemente; olio extra vergine d'oliva e sale q.b.
Preparazione:
Tagliare a metà le melanzane, cospargerle di sale e metterle per 1/2h circa a testa in giù, al fine di fargli perdere un po' di amaro. Incidere la polpa ed asportarla (decidete se conservarla o meno, perché in questo caso non serve) con l'apposito scavino o cucchiaio, lasciando uno spessore di 2 cm. dai bordi per tutta la sua interezza.
Ponete le melanzane salate leggermente e bagnate con un filino d'olio a faccia in su stavolta, in una pirofila da forno su un leggero fondo di acqua (2/3 cucchiai) così cuociono senza seccarsi o bruciarsi e mettete in forno già caldo a 190° per 35/45 minuti (controllate la cottura con una forchetta).
Nel frattempo preparate il ripieno. Amalgamate la robiola con i dadini di prosciutto; il coriandolo finemente tritato; il cucchiaino d'olio; gli acini d'uva tagliati a metà e privati dei semini; il pepe verde e mescolate bene il tutto.
Verificata la cottura delle barchette, tiratele fuori dal forno. Farcitele con il composto e mettetele sotto il grill stavolta per circa 5/10 minuti. Questo tempo dipende dai vostri gusti, se volete che il formaggio venga un po' gratinato allora prolungate il tempo di permanenza in forno, altrimenti se lo volete solo scaldato ma fuso basteranno meno minuti.
La robiola è secondo me uno dei formaggi a pasta molle più gustosi che esistano; il prosciutto con il formaggio si sposa sempre bene e quindi l'uva che c'entra??? Mah.. fatte lo scorso anno per la prima volta sempre per svuotare il frigo e boh... forse per sfidare mio marito che non ama tutta la frutta.. le mele poi non ne parliamo.. però l'uva sì e quindi per "approfittare" di quest'occasione cerco di metterla anche nei piatti salati e pluff.. buttata lì. Lui prima ha storto il naso.. poi si è leccato i baffi, perché l'uva toglie un po' d'acidità al formaggio, conferendogli un lieve sapore dolce che non uccide il gusto, anzi lo esalta. Rifatte l'altra sera ho in automatico previsto e messo l'uva ed anche stavolta sono andate a ruba.
Spero piacciano anche a voi, dato che questa ricetta va a Fabiola di Olio e aceto con la sua raccolta "E' tempo di melanzane".
Vino consigliato: CHIARETTO "CANTINE SCOLARI"
Vino doc lombardo, prodotto sulle rive del Garda nel bresciano, da uve Groppello, autoctone proprie della zona. Dal caratteristico colore rosato con riflessi violetti, ha un bouquet molto aromatico con forti sentori di fiori e frutti di bosco. Al palato risulta acido; fresco; ben strutturato. Grazie alla sua straordinaria versatilità si abbina perfettamente ad un'innumerevole quantità di piatti, tanto da essere definito un vino a tutto pasto; quindi: pesce di lago; formaggi non troppo stagionati; pizza; carni rosse alla griglia; verdure; insalate; frutta e salumi.

Commenti

  1. Debora che belle queste melanzane! complimenti. baci

    RispondiElimina
  2. Grazie Marie :-) Buon fine settimana ciaoaoooo

    RispondiElimina
  3. Come degna conclusione di questa
    settimana delle deliziose melenzane! Sembrano davvero buone e
    l'uva mi stuzzica parecchio, un accostamento inusuale, da provare !
    Finalmente domani vado al mare !!!!
    Un bacione e buon weekend ! *__*

    RispondiElimina
  4. Avevo giusto delle melanzane da smaltire in frigo .... la prossima
    settimana ho trovato come usarle!
    Mi piace l'idea dell' uva per smorzare l'acido del formaggio, un
    agrodolce stimolante!
    Buon weekend ! Bye bye !

    RispondiElimina
  5. Originale e stuzzicante, una bella
    ricetta da copiare. Che marito fortunato hai, lui assaggia tutto ed a noi solo le foto .... ^__^ !
    Tra poco scappo, buon fine settimana. Baci !

    RispondiElimina
  6. che meraviglia come le hai presentate, ciao e buon fine sttimana
    ps: per alcuni giorno non riuscivoa ad aprire il tuo blog senza aver problemi..oggi sembra risolto :)

    RispondiElimina
  7. Che sfiziose queste melenzane ! Non
    le ho mai provate così, con l'uva,
    visto che qui in Calabria sia l'una
    che l'altra abbondano,sicuramente
    ti copierò l'idea !
    Baci *__* !

    RispondiElimina
  8. @Ed io in piscina Marta, non è la stessa cosa ma meglio di niente :-) Baci baci e buon w.e.

    @Melanzane a me.. ehm scusa a te.. la prossima settima però.. Buon w.e. Luca, ciao ciao

    @Bien Fabiola :-)

    @Mica vero che mio marito assaggio tutto Melania.. il risotto con pere e gorgonzola non sono riuscita a farglielo assaggiare nemmeno facendogli gli occhi dolci.. *-* Bacioni e buon fine settimana

    @Wow che complimento, tu che sei una che cura molto la presentazione..per i problemi (???) non so che dirti!!! :-( Grazie mille, buon fine settimana anche a te, bye.

    @Fai pure Veronica.. eheheh Baci e buon w.e. anche a te.
    Bella la Calabria.

    RispondiElimina
  9. Originalissima questa tua versione delle melanzane ripiene....
    Molto golosa!
    Bravissima
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. Bella e assolutamente nuova questa versione delle barchette di melanzane!l'uva non l'avevo mai sentita!!!!
    provero'!
    un abbraccio,de

    RispondiElimina
  11. Viola, Daisy grazie e buondì, Baci e buon w.e.

    RispondiElimina
  12. Hola. Por supuesto que puedes participar en el concurso de www.lazyblog.net.

    Solo queda una semana!!!

    Complimenti.

    RispondiElimina
  13. Che idea originale per guarnire le melenzane, con l'uva mi giunge davvero nuova, sicuramente da provare!
    Baci e buon fine settimana !

    RispondiElimina
  14. Bellissime le tue barchette di melanzane e
    particolarissimo il condimento, un agro-
    dolce stuzzicante, brava ! Prendo nota e
    copierò ... *__*
    Bacioni !

    RispondiElimina
  15. Valeria, Mafalda grazie anche a voi, buon fine settimana al mare mi raccomando :-) Baci

    RispondiElimina
  16. Quanti arretrati! Un ripieno per le
    melanzane fatto così non lo avevo
    mai visto, con l'uva mi sembra proprio sfizioso, fresco e con quella nota delicatamente dolce.
    Me le segno e di sicuro le provo !
    Baci!

    RispondiElimina
  17. Arretrati no Carmela, ci mancherebbe.. però mi stavo preoccupando: ho pensato vuoi vedere che è andata in vacanza senza nemmeno salutarmi??? Tanto :-((( se lo facevi.
    Baci baci

    RispondiElimina
  18. Non avrei mai potuto andare senza
    salutare !!!! Capisco anche che per chi purtroppo non vede il mare
    per un anno intero non esista altra vacanza ma qualche volta, magari a fine maggio o inizio giugno ti consiglio di provare l'
    alta montagna. Avrai delle belle
    sorprese.... fidati!
    Bacioni !

    RispondiElimina
  19. Aspetta Carmela, prima mi devo mettere in castigo per lo strafalcione grammaticale.. ma scrivere mentre squilla il telefono o viene gente non è il massimo: tanto triste io se lo AVRESTI FATTO!!!!!!
    Ora ti rispondo: grazie anzittutto, smack! Secondo ottimo consiglio il tuo e prima o poi una settimana extra ce la faremo, anche perché arrivare ad agosto da dicembre è dura.. ma sinora non è mai capitata l'occasione propizia; prima o poi :-) Bacioni

    RispondiElimina
  20. mi piace un sacco quest'idea:D

    RispondiElimina
  21. Grazie Genny e che piacere rivederti :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Monsieur le savarin... ehm no, ò babà!!!

BABA' AL RHUM (dosi valide per 12 stampini 6x6 cm) Ingredienti: 300 gr di farina Manitoba; 3 uova grandi; 100 gr di burro; 100 gr di latte; 25 gr di zucchero semolato ; 10 gr di lievito di birra; 1/2 cucchiaino di sale; burro q.b. Bagna: 400 gr di zucchero semolato; la buccia di 2 arance; la buccia di 2 limoni; 3 dl di rhum; 1 lt d'acqua; un baccello di vaniglia; 4 chiodi di garofano. Glassatura: Un cucchiaio di rhum; 3 cucchiaini di gelatina d'albicocche; 3 cucchiai d'acqua. Preparazione: * Lievitino Sciogliere il lievito di birra con 50 gr di latte tiepido ed un cucchiaino di zucchero, farlo riposare una decina di minuti e poi impastarlo con 70 gr di farina (tutto da decurtare dal totale generale). Lasciar lievitare sino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito e ben strizzato. * Primo impasto Versare in una ciotola la restante farina, fare la fontana. Unire il lievitino e le 3 uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l&#

Il Ghostmisù

Link:  https://www.mtchallenge.it/2016/11/19/ghostmisu/ Ghostmisù (dosi generali valide per 4/6 persone) Bagna – Ingredienti: 200 ml d’acqua 100 gr di zucchero semolato 80 ml di Tequila Preparazione: Su fuoco dolce mettere a scaldare l’acqua e lo zucchero sino al completo scioglimento dello stesso. Appena raggiunto un leggero bollore, unire la Tequila e mescolare. Far evaporare leggermente l’alcool, spegnere il fuoco. Travasare in una capace ciotola e tenere da parte. *Usare preferibilmente tiepida o il grado d’assorbimento dei biscotti, cambia. Crema di mascarpone – Ingredienti: 400 gr di mascarpone 2 cucchiai *da minestra di zucchero semolato 2 uova di medie dimensioni a temperatura ambiente Preparazione: Separare i tuorli dagli albumi. Mantecare il mascarpone con lo zucchero, unire i tuorli ed amalgamare il tutto, sino ad ottenere una crema liscia e senza grumi. Montare a neve ferma gli albumi. Aggiungere la massa montata, un cucchiaio per volta, al co

L'ultimo MTC... lo famo strano!!!

L'ultimo giorno di gara per l' MTC , in tutti i sensi della parola... perché con oggi si chiude un cerchio, esattamente nel modo in cui è cominciato: con la tortilla di patate. 8 anni fa apriva le danze di questo splendido gioco   Alessandra   mentre la chiusura spetta invece a Mai  del blog "Il colore della curcuma". 72 sfide, 6 libri pubblicati, tanti blog partecipanti almeno 50 o forse anche più, molti vincitori, parecchie lezioni  di cucina imparate, ecc. Ho cominciato a giocare dalla 3 sfida in poi ma purtroppo non le ho seguite tutte, mi spiace finisca tutto qui, mi spiace che la formula cambi ma da gioco istruttivo diventerà una vera  e propria scuola di cucina, in bocca al lupo agli alunni e buon lavoro agli insegnanti. Ricordo come fosse ieri l'imbarazzo quando mi sono proposta di partecipare per la prima volta, non mi sentivo all'altezza; ricordo quando ho detto a mio marito: "Sai adesso comincerò a giocare con l'MTC"