giovedì 15 luglio 2010

A' Santuzza... ù fistinu!!!


GELO DI MELLONE
(dosi valide per 6/8 stampini)
Ingredienti:
700 ml. di succo d'anguria; 70 gr. di amido di mais; 70 gr. di zucchero semolato; 1 cucchiaino di essenza di vaniglia; una generosa spruzzata di cannella in polvere; riccioli di cioccolato fondente e pistacchi tritati q.b.
Preparazione:
Pulire, tagliare e frullare la polpa del cocomero; passarla al setaccio, quindi mettere il succo ben filtrato in un tegame dopo averlo pesato. Perché amido di mais e zucchero sono in proporzione esatta di 10 a 100 (ogni 100 ml. di succo necessita di 10 gr. di amido e 10 gr. di zucchero. Al massimo si può ridurre un po' lo zucchero se l'anguria a vostra disposizione è troppo dolce).
Unire al succo l'amido; lo zucchero; la cannella e l'essenza di vaniglia, mescolare bene il tutto a freddo sin quando non si è amalgamato per bene. Accendete il fuoco e tenetelo basso, sempre mescolando con una frusta portate a bollore e dopo far cuocere ancora per 3/5 minuti; sin quando quindi non otterrete una crema abbastanza densa e lucida. Fate raffreddare un po' e poi travasatela nella coppa; bicchierino o formina scelta, leggermente inumidita con acqua fredda, favorirà l'operazione di sformatura se dovete sformarla ma, se volete gustare il vostro gelo direttamente nella coppa o bicchierino allora l'acqua non serve.
In frigo per almeno 6/8 ore; decorate con riccioli di cioccolato fondente e pistacchi grossolonamente tritati e mangiate la Sicilia, nello specifico Palermo.
Ricetta rigorosamente e tradizionalmente palermitana, tant'é che molti la aromatizzano anche con dei fiori di gelsomino lasciati in infusione tutta la notte... niente gelsomino qui e quindi ho sostituito con cannella e vaniglia.
Benché nasca come dolce povero, ora è diventato un vero cult nei ristoranti anche più chic; è un dessert fresco; morbido; goloso; dolcissimo; profumato; in una parola sola fantastico e non lo dico come golosa o come palermitana, ma lo dico davvero con sincerità disinteressata.
A' santuzza "Santa Rosalia" la patrona di Palermo.. ù fistinu.. il festino ovvero la festa dedicata a Lei per onorarla; oggi è il quinto e conclusivo giorno dei festeggiamenti: rievocazione storica del salvataggio dalla peste; sfilata dei carri; fuochi d'artificio; processione; etc... e dire che il giorno in cui tutte le Rosalie festeggiano è il 04/09, perché quello è il giorno ufficiale dell'onomastico ma i palermitani hanno sempre diviso la festa in due: dal 10 al 15 luglio ù fistino.. baldoria, goliardia, ingordigia e in settembre la salita votiva a Monte Pellegrino, nella grotta dove si dice sia morta la Santa; salita impervia ma appunto da farsi per grazia ricevuta.
Durante ù fistino non mancano le bancarelle di leccornie: babbaluci (lumache); muluna russi (meloni rossi venduti a fette ghiacciati); minnulata (mandorle tostate con lo zucchero); pane con panelle e crocché (le prime frittelle fatte con farina di ceci; le seconde polpette di patate e prezzemolo); scaccio (ceci tostati; semi di zucca tostati; noccioline americane tostate... comunemente detta calia e simenza) e tanto tanto altro ancora.
Da quando sono qui a Modena, il 15 luglio preparo sempre il gelo di mellone (doppia L proprio come diciamo noi) perché per noi il mellone è l'anguria o cocomero che dir si voglia; per fare a mio modo un piccolo festino a casa.

23 commenti:

  1. mi dispiace che sei lontana,adoro il festino infatti prendo sempre le ferie in questo periodo, mi piace l'atmosfera di festa e soprattutto le mega mangiate. nel tuo elenco di bonta hai dimenticato le "pollanchelle" ahahahahhahahah, buone. il gelo è strepitoso anche io nè vado pazza, se no che palermitana sarei! ciao ciao

    RispondiElimina
  2. A chi lo dici Lella ma c'est la vie! Magari mi mancasse solo la pollanchella.. ed i tenerumi; le susine a cuore (quelle bianche ovali); le nespole...???!!! Sigh! Il prossimo anno goditi le ferie ed il festino anche per me :-) Baci

    RispondiElimina
  3. Ragazze, sapete che abito a 30 km da palermo e non sono mai andata al festino??????????
    Chissà forse noi di "paese", vediamo certe cose con occhi diversi, ma spero che almeno una volta nella mia vita di vederlo.

    RispondiElimina
  4. mamma mia che buono e fresco anche a quest'ora ci darei dentro a mangiarlo.complimenti e buon week

    RispondiElimina
  5. Miiiiiiiiiiiiiii che meraviglia!!!Lo voglio provare assolutamente!!!E voglio anche convincere il mio amore a portarmi a Palermooooo!!!
    Anche a me mancano tutte le cose del mio sud, qui la frutta e la verdura non hanno lo stesso sapore(qui non sanno di niente, o come dico io: Stu meluni sapi d'acqua lorda!)!!!
    E magari oltre al gelo vado a mangiare anche una fetta di setteveli (mariaaaaaa, solo a pensarci mi viene il diabete, che buonaaaaaaa!)

    RispondiElimina
  6. Carissima Deborah, non ricordavo fossi siciliana......
    io adoro la Sicilia, sono andata per anni a San Vito Lo Capo,adoro Palermo, ma la conosco abbastanza bene un pò tutta e la cucina siciliane è la mia preferita!
    Un amore folle per i cannoli e la cassata e adoro tutto della Sicilia, i profumi, i colori, le persone.
    Terra meravigliosa...
    Grazie per questa ricetta che mi ha ricordato dei bellissimi momenti trascorsi nella tua meravigliosa isola
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. E io che sto a Palermo centro, ogni anno in questo periodo scappo via e mi rifugio in posti più tranquilli...ma il gelo di meLLone, no, quello non lo sfuggo!!!

    Se ti va, sul mio blog c'è un pensiero per te.
    http://noidueincucina.blogspot.com/2010/07/andiamo-sul-classico-tiramisu-e-un.html
    Baci Stefania

    RispondiElimina
  8. Non ho mai mangiato questa meraviglia..!! E per il tuo racconto deve essere molto bello, ciao

    RispondiElimina
  9. Oggi Madonna del Carmelo..quindi auguri a chi compie l'onomastico oggi, tipo mio marito; il mio fu papà..

    @Perchè di dove sei Fabiola? Io ero convinta fossi e vivessi a Palermo...

    @Grazie mille Lucy e buon w.e anche a te.. Con il nuovo avatar non ti avevo riconosciuta :-( :-)

    @Manuuuuuuuu di dove sei?? Aahhaha non ci pensare allora.. eheheh Baci bimba scoppiettante!

    @Viola carissima.. smack! Quando sento parlare così bene della mia Sicilia.. mi sciolgo come neve al sole; va beh che in questo periodo non è mica difficile sciogliersi ma con le tue parole mi sarei sciolta anche se ci fossero stati 55 ° sotto zero :-)) Bacioni e buon fine settimana.. Ah tu invece di dove sei??

    @Stefy e Rosy.. anzitutto benvenute; grazie per il premio.. vengo a ritirarlo più tardi e per quanto concerne ù fistinu: cu addisia e cu sch.. ahahah Sempre così, quando le cosa le dai per scontate non ti mancano anzi.. :-) Buon fine settimana ragazzuole belle.

    @Se ti capita provalo Stefania ma attenta.. crea dipendenza ;-) Baci

    RispondiElimina
  10. Ma che cos'è stà meraviglia !!!! *__*
    Mi sbrillucchiano gli occhi solo a vederlo
    questo gelo di mellone, non l'ho mai assaggiato (come tutte le altre cose che hai nominato) ma mi convinco sempre di più
    che la Sicilia sia ASSOLUTAMENTE da vedere
    e soprattutto .... ASSAGGIARE !
    Un bacione e buon finesettimana !

    RispondiElimina
  11. Fare un budino con l'anguria deve essere
    il più estivo e fresco dessert che ci possa essere, con tutte le cose che hai nominato la festa di Santa Rosalia deve
    essere davvero da vedere e capisco quanto ti possa mancare. Vedi il lato positivo, la linea ci guadagna ... *__* !
    Baci & Abbracci & Buon Weekend

    RispondiElimina
  12. @Marta.. *-* ho citato solo le cose che ricordavo ehehehh Bacioni e buon w.e. anche a te.

    @Melania, almeno al sud quando si festeggia il santo patrono lo si fa con tutti i crismi.. quindi si pensa all'anima con le preghiere e alla pancia con le leccornie.. e non avete visto ancora nulla: c'è da ridere per Santa Lucia il 13/12.. poi vedrete!!! Baci e buon fine settimana anche a te.

    RispondiElimina
  13. Woow che dessert favolosamente goloso !
    Per gli amanti dell'anguria deve essere
    una tentazione grandissima, immagino sia
    delicato e rinfrescante e semplice da fare
    quasi quasi.... ^__^
    U' Fistinu, come lo chiami tu, mi è capitato di vederlo in un documentario anni fà è davvero deve essere uno spettacolo. Che ci vuoi fare, è la vita.
    Un bacione e buona Domenica ! Carmela.

    RispondiElimina
  14. @Auguri Carmela... e grazie :-) Buon mare tanto mare... buon fine settimana baci baci

    RispondiElimina
  15. Ho sentito parlare del gelo di melone e del Festino di Santa Rosalia, bè, il gelo
    di sicuro te lo copio, per il Festino prima o poi .... :-)))))
    Un bacione !

    RispondiElimina
  16. Che delizia e che presentazione invitante
    e .... rinfrescante !
    Non sembra difficile da fare, proverò di sicuro e poi ti dico! Mancare a quella che
    sembra una gran Festa più che un Festino
    deve essere brutto ma quando poi ci ritornerai te lo godrai di più, sicuramente.
    Un affettuoso, ciao !!!!

    RispondiElimina
  17. Il folklore delle feste del Sud è inimitabile, con tutto il corollario di Dolci tradizioni come in questo caso,
    ricordo anni fà di aver partecipato ad una festa patronale a Catania (S. Agata
    se ricordo bene) ed era emozionante tutta
    l'atmosfera.
    Questo dessert deve essere davvero delicato e rinfrescante, evviva le tradizioni quando sono così buone !!!
    Baci !!

    RispondiElimina
  18. @Dolce Veronica.. gelo di melLone se lo devi provare.. altrimenti non vale non ha lo stesso sapore ehehehe Baci e buon w.e. anche a te .

    @In luglio in Sicilia è quasi un'utopia ma chi lo sa Valeria, magari prima o poi capiterà anche perché mio marito non l'hai mai vissuto, solo visto in tv ù fistinu e gli piacerebbe tanto. Baci buon week end.

    @Mafalda anche tu del sud? Eh sì viva le tradizioni anzi viva le ricette tradizionali, ce ne sono veramente di slurposissime. Buon w.e.baci.

    RispondiElimina
  19. Molto fresco e rinfrescante lo proverò sicuramente!! Io sono Cris e con piacere mi aggrego ai tuoi fan ciao e a risentirci..........

    RispondiElimina
  20. Se passi a trovarmi troverai un premio per te.....un bacio stefy

    RispondiElimina
  21. @Grazie mille Chris, benvenuta a bordo; appena posso ricambio la visita. Intanto un grosso arrivederciiii.

    @Stefy cara grazie mille intanto, passo a prenderlo appena posso. Baci

    RispondiElimina
  22. L'ho sempre pensato che le feste al Sud sono molto più sentite, e se
    le associate a queste bontà capisco
    il perchè ... gnam gnam !! ^__^
    Non misono perso, sto organizzando il mini-trasloco per tornare a casa
    perchè quando torno dopo le ferie forse cambio casa, non coinquilini,
    non mi mollano più da quando cucino per loro .... *__*
    Bye bye !!

    RispondiElimina
  23. Lucaaa.. sai che invece stavo chiamando "Chi l'ha visto"?? :-)))
    Ma scusa dove sta scritto che devi cucinare tu?? Non per denigrare, ma sì al sud le feste si sentono di più, siamo più calorosi e folkloristici! Byee

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...