Passa ai contenuti principali

A strisce... e non a pois!!!


CIOCCOLATO ZEBRATO
Occorrente:
fogli di acetato; formine da biscotti; matita; carta forno; 100 gr. di cioccolato bianco; 100 gr. di cioccolato fondente; una forchetta o apposita spatola dentellata; 1 pennello da cucina; 1 paio di forbici; 1 pizzico di pazienza; 1 pizzico di volontà; 1 pizzico di precisione (che stavolta ho dimenticato di mettere).. capirete dopo.
Realizzazione:
Prendere un bel foglio di acetato, lo si trova in fornite cartolerie o negozi di ferramenta e colori o colorifici (non credo esistano dei fogli di acetato alimentare; in tutti gli appositi negozi dove ho chiesto mi hanno guardata come se fossi un'aliena); lo vendono in formato standard A4 o più grande ed è disponibile anche di diverso spessore dal sottilissimo a quello più spesso e la scelta dipende da quello che dovete fare. Io ho sempre comprato fogli starndard A4 di spessore medio e dato che come detto prima non è alimentare lo lavo bene con acqua calda e sapone per i piatti sia prima di utilizzarlo che dopo, perché essendo più resistente della semplice carta forno permette di essere più malleabile sicuramente ma ha anche la possibilità di essere riutilizzato più volte e poi lo faccio asciugare tra due fogli di carta cucina.
Prendete la formina e posizionatela sul foglio di carta forno, con la matita possibilmente a punta grassa, così vedrete meglio, tracciate il perimetro, ricreate quindi la forma che avete scelto. Il disegno ottenuto sulla carta forno può anche servire per fare altri decori in cioccolato, ricordarsi però di girare il foglio dal lato opposto, in modo che il cioccolato non entri in contatto con le linee tracciate con la matita o come in questo caso, dopo aver fatto il disegno sulla carta forno, ricalcarlo sul foglio di acetato; ritagliarlo e rilavarlo, così giusto per scrupolo.
Una volta ottenuta la vostra forma in acetato fondete a bagnomaria il cioccolato bianco ma solo 3/4 prima ed il restante dopo, lontano dal fuoco giusto per dargli una parvenza di temperaggio, fatelo freddare un po' e stendete un primo strato sul vostro fiore per esempio e subito dopo un secondo strato di cioccolato bianco; fatelo freddare a temperatura ambiente. Non appena è freddo ma non ancora solidificato rigatelo con i rebbi di una forchetta o con l'apposita spatolina dentellata (anche in questo caso non esiste una spatola alimentare quindi come per l'acetato, buona pulizia prima e dopo e non si impazzisce più a dire ma come e dove trovo quell'oggetto misterioso che useranno sicuramente i pasticcieri?).. per carità ci sono ovviamente cose prettamente tecniche che hanno solo loro ma in casa ci si può anche organizzare ed arrangiare.
Fondete adesso il cioccolato fondente, sempre 3/4 a caldo ed il restante da aggiungersi lontano dal fuoco, fatelo freddare un po' e spennellatelo sopra quello al latte. Prelevate la vostra forma cioccolatosa e mettetela in un vassoio che possa poi andare in frezeer, con l'acetato ovviamente dalla parte che poggia; se non prelevate la vostra forma e la mettete su un foglio pulito, le sbavature poi saranno più difficili da togliere e rischierete quindi di rovinare la vostra creazione (eccomi.. presente.. predico bene e razzolo male; infatti i contorni non sono perfetti mi sono sgangherati un po'; ma a mia discolpa posso solo dire che avevo fretta).
In frezeer per un paio d'ore di sicuro o sino al momento dell'utilizzo. Togliere l'acetato prima di mettere la vostra decorazione in cioccolato zebrato sulla torta o sul dolce, operazione semplicissima perché appunto l'acetato si stacca molto facilmente già di suo ma, anche grazie al fatto che è freddo.
Diciamo che per fare questo tipo di decorazione non è necessario un temperaggio del cioccolato canonico con tanto di termometro, perché la parte visibile della vostra creazione è quella che era rimasta in contatto con l'acetato, quindi lucida in automatico ma, se riusciamo ad usare già del buon cioccolato da copertura, avremo un miglior punto di partenza.

Commenti

  1. Carinissime queste decorazioni, le
    avevo sempre viste in pasticceria,
    ma quanto lavoro ci vuole a farle !
    Auguroni da Mariu' !

    RispondiElimina
  2. Non tantissimo Mariù e poi le mie sono artigianali, quelle delle pasticcerie sono più belle e professionali.
    Augurissimi anche a te, ciao ciao!

    RispondiElimina
  3. Molto interessanti le tue decorazioni, brava!
    buona Pasqua e tanta serenità
    ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Antonella e ricambio gli auguri anche a te ed alla tua famiglia. Byeee Debora

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Monsieur le savarin... ehm no, ò babà!!!

BABA' AL RHUM (dosi valide per 12 stampini 6x6 cm) Ingredienti: 300 gr di farina Manitoba; 3 uova grandi; 100 gr di burro; 100 gr di latte; 25 gr di zucchero semolato ; 10 gr di lievito di birra; 1/2 cucchiaino di sale; burro q.b. Bagna: 400 gr di zucchero semolato; la buccia di 2 arance; la buccia di 2 limoni; 3 dl di rhum; 1 lt d'acqua; un baccello di vaniglia; 4 chiodi di garofano. Glassatura: Un cucchiaio di rhum; 3 cucchiaini di gelatina d'albicocche; 3 cucchiai d'acqua. Preparazione: * Lievitino Sciogliere il lievito di birra con 50 gr di latte tiepido ed un cucchiaino di zucchero, farlo riposare una decina di minuti e poi impastarlo con 70 gr di farina (tutto da decurtare dal totale generale). Lasciar lievitare sino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito e ben strizzato. * Primo impasto Versare in una ciotola la restante farina, fare la fontana. Unire il lievitino e le 3 uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l&#

Il Ghostmisù

Link:  https://www.mtchallenge.it/2016/11/19/ghostmisu/ Ghostmisù (dosi generali valide per 4/6 persone) Bagna – Ingredienti: 200 ml d’acqua 100 gr di zucchero semolato 80 ml di Tequila Preparazione: Su fuoco dolce mettere a scaldare l’acqua e lo zucchero sino al completo scioglimento dello stesso. Appena raggiunto un leggero bollore, unire la Tequila e mescolare. Far evaporare leggermente l’alcool, spegnere il fuoco. Travasare in una capace ciotola e tenere da parte. *Usare preferibilmente tiepida o il grado d’assorbimento dei biscotti, cambia. Crema di mascarpone – Ingredienti: 400 gr di mascarpone 2 cucchiai *da minestra di zucchero semolato 2 uova di medie dimensioni a temperatura ambiente Preparazione: Separare i tuorli dagli albumi. Mantecare il mascarpone con lo zucchero, unire i tuorli ed amalgamare il tutto, sino ad ottenere una crema liscia e senza grumi. Montare a neve ferma gli albumi. Aggiungere la massa montata, un cucchiaio per volta, al co

L'ultimo MTC... lo famo strano!!!

L'ultimo giorno di gara per l' MTC , in tutti i sensi della parola... perché con oggi si chiude un cerchio, esattamente nel modo in cui è cominciato: con la tortilla di patate. 8 anni fa apriva le danze di questo splendido gioco   Alessandra   mentre la chiusura spetta invece a Mai  del blog "Il colore della curcuma". 72 sfide, 6 libri pubblicati, tanti blog partecipanti almeno 50 o forse anche più, molti vincitori, parecchie lezioni  di cucina imparate, ecc. Ho cominciato a giocare dalla 3 sfida in poi ma purtroppo non le ho seguite tutte, mi spiace finisca tutto qui, mi spiace che la formula cambi ma da gioco istruttivo diventerà una vera  e propria scuola di cucina, in bocca al lupo agli alunni e buon lavoro agli insegnanti. Ricordo come fosse ieri l'imbarazzo quando mi sono proposta di partecipare per la prima volta, non mi sentivo all'altezza; ricordo quando ho detto a mio marito: "Sai adesso comincerò a giocare con l'MTC"