Passa ai contenuti principali

La seconda passione... stagionale!!!


PENNE CON CREMA DI ASPARAGI
(dosi per 4 persone)
Ingredienti:
300 gr. di penne rigate; 350 gr. di asparagi; 100 gr. di ricotta; 4 cucchiai di latte; 1/2 scalogno; 1 mazzetto di basilico fresco; 20 gr. di burro; una generosa macinata di pepe verde; parmigiano o grana facoltativo; sale q.b.
Preparazione:
Lavate gli asparagi, togliete la parte finale perché più dura, tagliate le punte ed affettate i gambi.
Sbucciate ed affettate lo scalogno sottilmente; lavate e sfogliate il basilico, asciugandolo su carta cucina e tagliuzzarlo finemente. In un largo tegame scaldate il burro con lo scalogno, non appena questo sarà appassito unire gli asparagi e farli rosolare un po' a fiamma vivace; regolate di sale, unite il pepe e mescolate. Coprite con acqua calda e fate cuocere a fiamma moderata sin quando le verdure saranno cotte ed il liquido quasi completamente assorbito.
Nel frattempo lavorate la ricotta con il latte, aggiungete un altro po' di pepe verde ed il basilico ed amalgamate bene il tutto, sino ad ottenere una crema liscia. Unite la crema di ricotta e basilico agli asparagi e mescolate, lasciando cuocere il tutto per circa 5/7 minuti.
Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nel tegame con gli asparagi e la crema di ricotta, accendete il fuoco al minimo e mescolate bene. Spolverate di formaggio se volete e servite.
Gli asparagi li adoro quasi quanto le fragole e quindi credo che loro diverranno il tormentone verde.. :-)

Con questa ricetta partecipo a "Verde sopraffino per San Patrick" de La cuochina sopraffina.
Vino consigliato: ROSATELLO "RUFFINO"
E' uno dei vini rosati più noti prodotti in Toscana, che sino al decennio scorso apparteneva all'Italia bene. Oggi è tornato sulle nostre tavole con un'immagine giovane ed accattivante.
Dal classico colore rosa, al naso ha un approccio fresco ed intenso, con forte sentore di piccoli frutti rossi e pesca; mentre al palato si avvertono note speziate e risulta fresco e fragrante.
Incredibilmente versatile, ottimo come aperitivo, per accompagnare finger food, si abbina ottimamente anche a pizza; grigliate all'aperto; primi piatti a base di verdure e piatti freddi; ed infine viene anche usato per ottenere eleganti e dissetanti cocktail.

Commenti

  1. Buoni gli asparagi,piacciono tanto anche a me specie quelli selvatici
    quando mio nonno me li procura. Bella ricettina da provare, come sempre del resto. Un bacione, ciao!

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Marta... ieri latitante, sorry se non ti ho risposto prima.
    Personalmente invece non ho mai provato gli asparagi selvatici ma se tu dici che sono più buoni mi fido. Baci

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Debora, io sono Melania
    collega di quella matta di Marta ed
    è lei che mi ha introdotta nel tuo
    carinissimo blog. Le tue ricette sono veramente invitanti e pratiche
    da fare, e avrai una sostenitrice in piu', IO ! Fidati che gli asparagi selvatici sono proprio buoni e la tua ricettina sembra fatta apposta ! Ciao, Melania !

    RispondiElimina
  4. Benvenuta Melania e grazie mille per il sostegno e per i complimenti; spero ti troverai bene. Fammi un favore, dato che io non ho mai mangiato gli asparagi selvatici, se tu o Marta la fate mangiatene una porzione pure per me così li assaporo con il pensiero. A presto Debora.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Monsieur le savarin... ehm no, ò babà!!!

BABA' AL RHUM (dosi valide per 12 stampini 6x6 cm) Ingredienti: 300 gr di farina Manitoba; 3 uova grandi; 100 gr di burro; 100 gr di latte; 25 gr di zucchero semolato ; 10 gr di lievito di birra; 1/2 cucchiaino di sale; burro q.b. Bagna: 400 gr di zucchero semolato; la buccia di 2 arance; la buccia di 2 limoni; 3 dl di rhum; 1 lt d'acqua; un baccello di vaniglia; 4 chiodi di garofano. Glassatura: Un cucchiaio di rhum; 3 cucchiaini di gelatina d'albicocche; 3 cucchiai d'acqua. Preparazione: * Lievitino Sciogliere il lievito di birra con 50 gr di latte tiepido ed un cucchiaino di zucchero, farlo riposare una decina di minuti e poi impastarlo con 70 gr di farina (tutto da decurtare dal totale generale). Lasciar lievitare sino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito e ben strizzato. * Primo impasto Versare in una ciotola la restante farina, fare la fontana. Unire il lievitino e le 3 uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l&#

Il Ghostmisù

Link:  https://www.mtchallenge.it/2016/11/19/ghostmisu/ Ghostmisù (dosi generali valide per 4/6 persone) Bagna – Ingredienti: 200 ml d’acqua 100 gr di zucchero semolato 80 ml di Tequila Preparazione: Su fuoco dolce mettere a scaldare l’acqua e lo zucchero sino al completo scioglimento dello stesso. Appena raggiunto un leggero bollore, unire la Tequila e mescolare. Far evaporare leggermente l’alcool, spegnere il fuoco. Travasare in una capace ciotola e tenere da parte. *Usare preferibilmente tiepida o il grado d’assorbimento dei biscotti, cambia. Crema di mascarpone – Ingredienti: 400 gr di mascarpone 2 cucchiai *da minestra di zucchero semolato 2 uova di medie dimensioni a temperatura ambiente Preparazione: Separare i tuorli dagli albumi. Mantecare il mascarpone con lo zucchero, unire i tuorli ed amalgamare il tutto, sino ad ottenere una crema liscia e senza grumi. Montare a neve ferma gli albumi. Aggiungere la massa montata, un cucchiaio per volta, al co

L'ultimo MTC... lo famo strano!!!

L'ultimo giorno di gara per l' MTC , in tutti i sensi della parola... perché con oggi si chiude un cerchio, esattamente nel modo in cui è cominciato: con la tortilla di patate. 8 anni fa apriva le danze di questo splendido gioco   Alessandra   mentre la chiusura spetta invece a Mai  del blog "Il colore della curcuma". 72 sfide, 6 libri pubblicati, tanti blog partecipanti almeno 50 o forse anche più, molti vincitori, parecchie lezioni  di cucina imparate, ecc. Ho cominciato a giocare dalla 3 sfida in poi ma purtroppo non le ho seguite tutte, mi spiace finisca tutto qui, mi spiace che la formula cambi ma da gioco istruttivo diventerà una vera  e propria scuola di cucina, in bocca al lupo agli alunni e buon lavoro agli insegnanti. Ricordo come fosse ieri l'imbarazzo quando mi sono proposta di partecipare per la prima volta, non mi sentivo all'altezza; ricordo quando ho detto a mio marito: "Sai adesso comincerò a giocare con l'MTC"