Passa ai contenuti principali

Di sicuro... non è a "Norma"!!!


CASERECCE ALLA NORMA
(dosi valide per 2 persone)
Ingredienti:
3 melanzane; 140 gr. di casarecce; salsa di pomodoro; olio di semi; ricotta salata; basilico fresco; cipolla; sedano; carota; sale e pepe q.b.
Preparazione:
Tagliare a tocchetti due melanzane e metterle a spurgare l'amaro in una bacinella colma d'acqua salata, sormontata da un peso.
Scolatele e friggetele in abbondante olio; fate scolare l'unto in eccesso su carta assorbente e salatele.
Alla terza melanzana asportate la calotta superiore, incidetela con un taglio a croce che arrivi in profondità senza intaccare la buccia e copritela con carta d'alluminio. Ponete in forno già caldo a 190° per 30/40 minuti circa. Lasciatela intiepidire e scavatela con un cucchiaio... il taglio a croce facilita quest'operazione.
Nel frattempo preparate la salsa, quindi soffritto d'olio, cipolla; carota e sedano; aggiungere il succo di pomodoro; sale; pepe e basilico fresco, un po' d'acqua e mescolando spesso fate restringere il sugo.
Unite parte delle melanzane ben sgocciolate dall'olio alla salsa di pomodoro e mescolate, così i sapori cominciano ad amalgamarsi.
In una pentola con acqua salata lessate la pasta, scolatela e conditela con il condimento preparato.
Aggiungete le altre melanzane e grattugiate sopra un po' di ricotta salata.
Scusatemi se sono stata un po' approssimativa ma... non ho veramente pesato nulla; non ho realmente controllato i tempi di cottura con tanto d'orologio; ho fatto tutto a naso... anche perché credo che tutti sappiamo preparare della salsa di pomodoro e friggere due melanzane... ecco perché non è a norma :-)
Questa è la pasta della domenica; delle gite; dell'infanzia... ma il ricordo più dolce è quello che la mia mamma comprava sempre molte più melanzane del necessario, perché mentre le friggeva erano più quelle che gli rubavamo che non quelle che finivano nel sugo e quindi nella pasta e quindi nel piatto!
Vino consigliato: COSTADUNE "MANDRAROSSA"
Un vino rosso siciliano prodotto nella zona di Modica - Avola (SR) esclusivamente con uve: Nero d'Avola. Dal colore rosso vivo e luminoso; ha un buon corpo ed un'ottima fermezza; finemente aromatico e giustamente tannico. Perfetto con carni rosse; primi importanti ma, ben si abbina anche a dei buoni arrosti di carne bianca.

Commenti

  1. E' la pasta alla "Norma" più bella che mi sia mai capitata, Ma sopratto speciale per i ricordi che l'accompagnano. E' fantastica presentata così. Un bacione

    RispondiElimina
  2. A chi lo dici !!! Le melenzane le compriamo a chilate, non bastano mai!
    Una pasta alla Norma invitantissima e poi il contenitore "vegetale" rende
    proprio l'idea di quello che si stà gustando !!! ^__*
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  3. Ma che bella presentazione, sarà una goduria!

    RispondiElimina
  4. Una signora pasta alla Norma, un signor Nero d'Avola... Sicilia docet!
    Che belli i ricordi familiari, ne ho di simili solo che a noi succedeva con la caponata... a tavola ne arrivava si e no la metà di quella preparata !!! *__*
    Buona giornata, ciao !!!

    RispondiElimina
  5. Veramente fantastica anche nella presentazione.
    COmplimenti e felice giornata

    RispondiElimina
  6. @Pulcino tesorina ma come fai ad essere sempre la prima?! Un grandissimo grazie ed un altrettanto baciotto :-))

    @Infatti Agata peccato però sia antipatico friggerle :-) Bacioni, grazie

    @Grazie mille Elena :-)

    @Con la caponata no Michela.. ma solo perché come sai più è fredda e più e buona no? Ma con le melanzane alla parmigiana, altro che eeheh Baciotti, grazie

    @angicook grazie mille e buona giornata a te

    RispondiElimina
  7. Sarà fuori "Norma" ma un bel piatto me lo mangerei !! Niente vino però,
    altrimenti dopo i numeri andrebbero da soli... ^__* !!!
    Un bacione !!!
    P.s. Condivido il tuo post precedente
    strano modo di far votare...

    RispondiElimina
  8. Mi piace molto la presentazione ed il vino ci deve stare di un bene... magari a cena, così dopo si dorme meglio !!! ^__^
    Un bacione !!!

    RispondiElimina
  9. Che sfizioso "piatto-melanzana" così
    non ci si può sbagliare su quello che si stà per mangiare !!! Sembra davvero una ricetta invitante e senza
    dubbi siciliana... ^__* !!
    Un bacione da Carmela.

    RispondiElimina
  10. Che voglia fanno venire le foto !!!
    Deve essere appetitosa e tutta da gustare, quel vinello poi... ^__* !!
    Belli i ricordi di famiglia, alla cucina se ne legano sempre tanti, non dimenticherò mai le torte di mia nonna... come finivano subito !!
    Un caro abbraccio !!

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono molto le melanzane ma
    non ho mai provato la pasta alla Norma, questa mi attira moltissimo.
    A parte il contenitore sfizioso, sono
    sicura che te la copierò.
    Un bacione !!! ^__*
    P.s. Non avevo ancora votato ma se è
    così complicato...

    RispondiElimina
  12. Adoro tanto quando si trasgredisce alle "norme"... ma solo in cucina ;-)

    RispondiElimina
  13. I ricordi di questo piatto si uniscono perfettamente alla sua bontà!!una ricetta meravigliosa e presentata magnificamente!!baci,Imma

    RispondiElimina
  14. Buona la pasta alla Norma, la tua versione fuori "norma" la proverei di sicuro... così farei il paragone !!!
    Credo proprio che mi sarei comportata
    anch'io come voi... è più divertente rubacchiare che trovare già tutto a
    tavola !!! *__*
    Un bacio, ciao !!!

    RispondiElimina
  15. Che furbata! Forte davvero, oggi doveva essere la giornata delle melanzane, anche Andrea Matranga ha avuto la tua stessa intuizione, non nel piatto....bensì nel titolo!!
    Sento che sei in partenza, rilassati, divertiti e torna stracarica di idee!!!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Ma che bella melanzana farcita !!!
    Usare questo contenitore di sicuro non ti fà sbagliare sul gustoso contenuto... ^__* !! Poi, perchè non è Norma ? Ci sono tutti gli ingredienti giusti e quel tocco in più estetico... gnam, gnam !!!
    Un bacione !!!
    STELLAMAR

    RispondiElimina
  17. @Ok Marta allora per te acqua ehehe.. bacioni
    P.S. Pazienza :-)

    @Sì Melania e magari pure di venerdì o sabato sera... così se dormi un po' in più nessuno se ne accorge :-)) bacioni

    @Ah Carmela sulla sicilianità del piatto non si discute :-) Baciotti

    @Ma il cibo è ricordo sempre Valeria, immagino le torte della tua nonna :-) Baciotti

    @Non ho capito Mafalda, ti sembra complicato il contenitore? Fa niente, grazie lo stesso :-) Baci

    @Carina la puntualizzazione Letizia :-))

    @Gentilissima Imma, grazie mille
    :-))

    @Noi rubacchiavamo le melanzane Valentina, prima che finissero nel condimento :-) Baci

    @Grazie mille Fabiana, non ho idea di chi sia Andrea Matranga ma penso che debba sentirmi onorata per l'associazione d'idee :-) Abbracci

    @Stella cara, non è a NORMA fra "", perché la ricetta non è molto precisa, ma era a norma.. Un gioco di parole ironico :-) Baciotti

    RispondiElimina
  18. Invitantissima questa "Norma" !!!
    Divertente e chiarificatrice la presentazione, non ti puoi sbagliare
    sul contenuto. Mi è sempre piaciuta
    e accompagnata degnamente da un ottimo vino, è il massimo !!! *__*
    Buona giornata, ciao !!

    RispondiElimina
  19. Sfiziosissima ricetta! Questo primo è
    uno dei miei preferiti, semplice nella preparazione ma molto gustoso.
    E' vero che alla cucina si possono legare tanti ricordi, quelli dell'infanzia soprattutto... è bello tirarli fuori ogni tanto !!!
    Ciao da Sergio.

    RispondiElimina
  20. Superba presentazione, carinissima !!
    La pasta alla norma è davvero buonissima e indiscutibilmente siciliana.. ben fatto !! *__*
    Certamente la cucina è uno dei luoghi della memoria, ricordo ancora quando mia mamma si faceva aiutare nel preparare le tagliatelle... farina dappertutto !!! *__*
    Un bacione !!

    RispondiElimina
  21. Un bel piatto di pasta alla norma, visto anche l'ora, sarebbe un ottima idea... presentata così è allettante
    al massimo !!! ^__^ Anche io facevo (e continuo a fare..) come te quando mia madre preparava la parmiggiana,
    ne mancava sempre qualcuna...
    Un bacione !!!

    RispondiElimina
  22. @Eh no Martina, di sicuro non si pensa ad un condimento diverso :-)) Grazie, abbracci

    @Se son ricordi piacevoli Sergio, è più facile tirarli fuori :-) Grazie, buondì

    @Immagino Erica... tutto e tutti imbiancati :-) Grazie baci

    @Rubacchiare in cucina è sempre divertente Giulia... non so ma il gusto nel piatto cambia ehehe. Un bacione, ciao

    RispondiElimina
  23. Rubacchiare durante la preparazione..
    NOOO, ma chi (NON) l'ha fatto mai !!!
    Era la cosa più divertente !!! *__*
    Certo che poi, se in questa deliziosa pasta alla Norma, mancassero le melanzane... sarebbe un peccato !!!
    Un bacione !!!

    RispondiElimina
  24. super invitante da copiarti subito l'idea bacio simmy

    RispondiElimina
  25. @ehheeh... penso tutti Fiorella!!! Grazie mille, un bacione

    @Grazie Simona :-) a presto abbracci

    RispondiElimina
  26. Ma che sfiziosa portata !!! ^__^
    Il contenitore è simpaticissimo ma
    scommetto che il contenuto sarà da applausi... una pasta alla Norma
    siciliana doc, brava !!! *__*
    Bye bye !!!

    RispondiElimina
  27. La presentazione è super... se la bontà è
    uguale, a me la forchetta !!! *__*
    Un bacione !!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Monsieur le savarin... ehm no, ò babà!!!

BABA' AL RHUM (dosi valide per 12 stampini 6x6 cm) Ingredienti: 300 gr di farina Manitoba; 3 uova grandi; 100 gr di burro; 100 gr di latte; 25 gr di zucchero semolato ; 10 gr di lievito di birra; 1/2 cucchiaino di sale; burro q.b. Bagna: 400 gr di zucchero semolato; la buccia di 2 arance; la buccia di 2 limoni; 3 dl di rhum; 1 lt d'acqua; un baccello di vaniglia; 4 chiodi di garofano. Glassatura: Un cucchiaio di rhum; 3 cucchiaini di gelatina d'albicocche; 3 cucchiai d'acqua. Preparazione: * Lievitino Sciogliere il lievito di birra con 50 gr di latte tiepido ed un cucchiaino di zucchero, farlo riposare una decina di minuti e poi impastarlo con 70 gr di farina (tutto da decurtare dal totale generale). Lasciar lievitare sino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito e ben strizzato. * Primo impasto Versare in una ciotola la restante farina, fare la fontana. Unire il lievitino e le 3 uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l&#

Il Ghostmisù

Link:  https://www.mtchallenge.it/2016/11/19/ghostmisu/ Ghostmisù (dosi generali valide per 4/6 persone) Bagna – Ingredienti: 200 ml d’acqua 100 gr di zucchero semolato 80 ml di Tequila Preparazione: Su fuoco dolce mettere a scaldare l’acqua e lo zucchero sino al completo scioglimento dello stesso. Appena raggiunto un leggero bollore, unire la Tequila e mescolare. Far evaporare leggermente l’alcool, spegnere il fuoco. Travasare in una capace ciotola e tenere da parte. *Usare preferibilmente tiepida o il grado d’assorbimento dei biscotti, cambia. Crema di mascarpone – Ingredienti: 400 gr di mascarpone 2 cucchiai *da minestra di zucchero semolato 2 uova di medie dimensioni a temperatura ambiente Preparazione: Separare i tuorli dagli albumi. Mantecare il mascarpone con lo zucchero, unire i tuorli ed amalgamare il tutto, sino ad ottenere una crema liscia e senza grumi. Montare a neve ferma gli albumi. Aggiungere la massa montata, un cucchiaio per volta, al co

Per il rotto... della cuffia!!!

VELLUTATA DI ZUCCA (dosi valide per 2 persone) Ingredienti: 500 gr.di polpa di zucca; un litro di latte; uno spicchio d'aglio; la scorza grattugiata di un'arancia; 2 cucchiai di farina di riso; 50 gr. di scamorza o scaglie di grana; una grattata di noce moscata; sale, pepe o peperoncino; erba cipollina in polvere q.b. Preparazione: Far cuocere al vapore per circa 20 minuti la polpa di zucca; passarla poi attraverso un passaverdura direttamente in un tegame. Copritela lentamente con il latte mescolando, insaporite con lo spicchio d'aglio sbucciato e schiacciato leggermente con il palmo della mano; il sale; il pepe o peperoncino; la scorza d'arancia; un po' d'erba cipollina ed un pizzico di noce moscata grattugiata. Lasciar cuocere per circa 10/15 minuti a fuoco medio / basso; aggiungere la farina di riso e far restringere. Nel frattempo tagliate a scaglie il formaggio scelto; ristretta al punto giusto la vellutata, impiattarla. Servirla con le scaglie