lunedì 23 febbraio 2015

La mia paura... più grande!!!


BACIO CON GANACHE ALLA BIRRA
(dosi valide per 20 pz. )
Ingredienti:
200 gr di cioccolato bianco; 35 ml di panna; 35 ml di birra scura; 30 gr di granella di nocciole; un cucchiaino di sciroppo di glucosio; 200 gr di cioccolato fondente da copertura; 20 nocciole intere.
Preparazione:
Tagliare finemente il cioccolato bianco e metterlo in una terrina.
Far cuocere su fuoco dolce a bagnomaria la panna con la birra e lo sciroppo di glucosio, portare all'inizio del bollore.
Versare il liquido sul cioccolato e mescolare bene sino a quando non si ottiene un composto liscio e senza grumi.
Unire la granella di nocciole e mettere in frigorifero a raffreddare.
Prendere un po' di ganache alla volta e formare con le mani delle palline grandi all'incirca quanto una noce, posizionare sulla sommità la nocciola intera e mettere in freezer per il tempo necessario.
(E' un ripieno che resta morbido, molto più adatto ad essere la farcia di cioccolatini preparati con gli appositi stampi, piuttosto che essere ricoperti uno ad uno... ma alla fine ce l'ho fatta, benché il risultato non sia esteticamente dei migliori; con il procedimento dell'inseminazione mi sono trovata meglio).
Temperare il cioccolato fondente con la tecnica del bagnomaria freddo qui descritta e ricoprire i propri baci.
Aspettare che la cioccolata di copertura si rassodi e poi gustare.
Secondo ed ultimo bacio per l'MTC del mese su proposta della vincitrice Annarita de "Il bosco di alici"... avrei voluto provare anche la tecnica del temperaggio canonico ma l'assenza di strumentistica adatta non mi ha permesso di lanciarmi appieno in questa sfida... 
Prossima volta :-( e le cose da fare prossimamente aumentano sempre più uffa ma il bello dell'imparare qualcosa, è proprio questo, per cui sempre un grande grazie alla scuola di cucina più divertente che c'è sul web.
La frase.... è dedicata a tutti e nessuno, a me stessa.... perché rappresenta la mia più grande paura: il silenzio che uccide e spegne la mente, la mancanza di comunicazione, il non avere più niente da dirsi o peggio il non riuscire più a dirsi nulla per paura, per vigliaccheria o per mille altri motivi.
Un abbraccio alla prossima :-)
Debora.
P.S. Se la ganache non deve essere modellata, come in questo caso, eliminate la granella di nocciole ed aumentate un po' la dose di birra portandola quindi a 40 ml.

giovedì 19 febbraio 2015

Il primo... bacio!!!


BACIO AL CAFFE' ED AMARETTI
(dosi valide per 10/12 pz.)
Ingredienti:
75 gr di cioccolato al latte; 50 gr di cioccolato fondente; 13 gr di burro; 50 ml di panna *(vegetale); 1/2 cucchiaio di caffè solubile; 5 amaretti sbriciolati; 200 gr di cioccolato bianco da copertura; 10/12 pezzi d'amaretti.
Preparazione:
Tagliare finemente i cioccolati al latte e fondente (che possono essere anche invertiti nelle quantità, a seconda dei gusti) mescolarli tra loro in una terrina.
Far fondere a fuoco dolce il burro, con la panna ed il caffè.
Versare i liquidi sul miscuglio di cioccolato ed amalgamare sino a quando non si ottiene un composto liscio e senza grumi.
Aggiungere 5 amaretti sbriciolati con le mani in modo grossolano.
Mettere in frigo per 20 minuti circa.
Con l'aiuto di 2 cucchiaini formare dei mucchietti di ganasce e con le mani leggermente inumidite formare delle palline.
Sulla sommità incastrare i pezzi d'amaretti che fungeranno da cupoletta, quella che nei baci famosi è data dalla nocciola intera.
Far riposare in frigorifero per 5/6 ore.
Per la copertura ho usato del cioccolato bianco che ho temperato secondo le regole dell'inseminazione come spiegato in maniera dettagliata qui.
Tagliare finemente a coltello il cioccolato e farne fondere  a bagnomaria i 3/4 (nel mio caso 150 gr) raggiungendo la temperatura di 42°, fuori dal fuoco aggiungere i restanti 50 gr anche questi tagliati finemente al coltello e mescolare con una spatola sino a che non si è tutto sciolto.
P.S. Filtrare con un colino a maglia fine per evitare che pezzi di cioccolato interi vanifichino l'operazione successiva.
Operazione omessa perché il cioccolato si è fuso benissimo.
Con questa copertura, aiutandosi con una forchetta di plastica priva dei rebbi centrali, così il cioccolato in eccesso viene scolato meglio rivestire i propri baci, ripetendo due volte l'operazione se necessaria.
Attendere che il cioccolato solidifichi e poi servire... o regalare.
La sfida del mese dell'MTC è molto romantica, fare i baci secondo la ricetta della vincitrice Annarita de "Il bosco di alici" e come gli originali della Perugina devono essere anche accompagnati da un biglietto...
D'altronde chi non ha mai mangiato un bacio dietro l'altro solo per poter scoprire il bigliettino successivo? :-)
Io l'ho fatto anche se i baci non sono proprio i miei cioccolatini preferiti... almeno questo sino a quando non sono nati quelli bianchi, perché poi ho tranquillamente corretto i miei gusti.
Il primo bacio....
Per primo bacio s'intende quello che ci siamo scambiati con gli occhi la prima volta che in mezzo alla gente ci siamo riconosciuti; o quello dato sulla guancia e già qui le gambe tremavano... oppure quello arrivato quasi un anno dopo, in un fredda sera d'Inverno, su una panchina a Bologna, che sapeva di caffè e di noi?!
Una cosa è certa, il primo bacio non si scorda mai... non è solo una frase retorica perché se considerate che sono riuscita solo al terzo tentativo a fare qualcosa di vagamente somigliante al cioccolatino tanto famoso... non è tanto difficile da credere una cosa del genere... eh sì, sono tornata a parlare della sfida *-^!!!
Un abbraccio, alla prossima.
Debora

lunedì 9 febbraio 2015

Finita da... un po'!


CHEESECAKE AL CIOCCOLATO BIANCO ED AMARETTI
(dosi valide per 8/10 persone)
Ingredienti:
150 gr di amaretti; 80 gr di burro.
Farcia:
200 gr di cioccolato bianco; 50 gr di amaretti; 200 ml di panna; 250 gr di ricotta di pecora; 500 gr di mascarpone; 100 gr di zucchero semolato; 8/10 gr di gelatina; una tazzina di caffè; amaretti sbriciolati e non; scaglie di cioccolato bianco q.b.
Preparazione:
Sbriciolare gli amaretti; fondere il burro e versarlo sugli stessi.
Amalgamare e con l'aiuto di un cucchiaio preparare la base per la cheesecake.
Mettere in frigorifero sino al momento dell'uso.
In un tegamino far fondere il cioccolato con la panna e fare freddare completamente.
Lavorare a crema la ricotta con il mascarpone e lo zucchero.
Unire gli amaretti sbriciolati.
Montare leggermente il composto di cioccolato e panna ed unirlo agli altri formaggi.
Mettere a bagno in acqua fredda la gelatina per 10 minuti, strizzarla per bene e scioglierla con la tazzina di caffè caldo.
Incorporare alla crema e versare sulla base di biscotti, livellando con un cucchiaio.
Ricoprire la superficie con le scaglie di cioccolato bianco e con le briciole grossolane di amaretti e far riposare in frigorifero per almeno un giorno intero, ma anche di più se fosse necessario; più si fredda e meglio i sapori si sposano tra loro.
Servire la vostra cheesecake e buon appetito.
Questa torta è stata quella che ho preparato per il compleanno di mia sorella che è già passato da qualche giorno, anche la torta è finita ma se aspetto ancora un po' a pubblicarla, diventa vecchia e stantia :-)
Come ho già detto tempo e di nuovo problemi al pc di casa, non mi permettono di essere più celere, chiedo venia.
Un abbraccione e buon inizio nuova settimana.
Debora
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...