venerdì 31 gennaio 2014

Tante cose... da sistemare!!!



«Quindi» esordì Davide, gettandosi sul letto «L’idea è quella di cenare tutti insieme a casa di nonno, per il suo compleanno»
«Festa a sorpresa?»
volle sapere Melania, stendendosi accanto a lui.
«Mmm no… non proprio… credo mamma gli abbia chiesto il permesso»
«Oh, peccato… adoro le feste a sorpresa»
replicò dispiaciuta.
«Me ne ricorderò tra un paio di mesi…»
«Non osare» lo bloccò «Adoro le feste a sorpresa degli altri! Io ci tengo a sapere esattamente dove, come e quando verrò festeggiata! Devo prepararmi!»
«Psicologicamente?»
«Esteticamente!»
«E come fai con le liste di attesa?»
domandò serio lui.
«Quali liste d’attesa?»
«Quelle della clinica dove ti dovrai rinchiudere per renderti presentabile!»
Melania ci mise qualche secondo a realizzare la battuta, spalancò la bocca senza riuscire a replicare.
Davide la fissò sbalordito.
«Oh mio dio! Ci sono riuscito!» esclamò «Sono riuscito a toglierti la parola!»
Si alzò dal letto saltellando ed agitando i pugni in aria, in segno di vittoria. L’amica, ancora seduta e a bocca spalancata, afferrò un cuscino e glielo scagliò contro, colpendolo in testa.
«Mi hai colto alla sprovvista! Non capiterà mai più! Sappilo!»
disse, puntandogli contro un dito.
Davide smise di saltellare e tornò sul materasso, ancora sghignazzante.
«E dai Mela… fammi illudere!»
«Oh, illuditi… illuditi pure… non si dica in giro che sono una infrangi-illusioni altrui… a proposito di illusioni infrante…»  si morse il labbro inferiore «Tuo cugino Lorenzo?»
«Cosa vuoi sapere?»
«Tutto! Voglio dire: si è presentato pesto e al verde, si è nascosto da te per… quanto? Due settimane?!? E poi è sparito… non doveva iniziare a lavorare con te al ristorante?»
Davide fissò il soffitto e sospirò.
«Quel ragazzo è un disastro…» commentò «Non so cosa gli sia capitato… non era così…»
«Così, come?»
si incuriosì Melania, mettendosi su un fianco e piegando il braccio sotto la testa.
Lui sbuffò e pensò a cosa dire.

Aveva un’immagine ben precisa del cugino: allegro, spavaldo, sognatore.
Gli anni lontano da casa avevano lo cambiato in qualche modo. In quelle settimane che era rimasto da lui, Lorenzo aveva indossato bene la maschera, fingendosi lo stesso di sempre, ma c’era qualcosa di diverso, di cupo in lui. Davide poteva vederlo negli occhi opachi e nel sorriso forzato. Era come se la vitalità di un tempo gli fosse stata risucchiata via dalle vene.

Melania pungolò con l’indice il petto di Davide.
«Hey! Parlo con te: “così” come?»
ripeté.
L’uomo scosse la testa e provò ad esprimere  il suo pensiero.
«Così… spento» disse infine «Ride, fa battute… parla di sé come se fosse il re del mondo… ma c’è qualcosa di spezzato in lui… non te lo so spiegare…»
«No… credo di aver capito, invece… è un po’ quello che è successo a te…»
Davide girò di scatto la testa verso l’amica e corrugò la fronte, spiazzato.
«A me? Che c’entro io!»
«C’entri, Davide… tu c’entri sempre!»
sbottò lei.
Si mise seduta a gambe incrociate e si agganciò agli occhi di lui.
«Non so come vedi tuo cugino… ma la descrizione che mi hai fatto, somiglia tanto a quello che vedo quando guardo te…»
«Mela…»
provò ad intervenire.
«No!» lo bloccò «Fammi finire!»
Davide chiuse la bocca ed ascoltò.
«Oramai è da un po’ che ti osservo… soprattutto quando non pensi che ti stia guardando… ed è in quei momenti che vedo quanto sei triste. Ho sperato me ne parlassi, ho sperato ti confidassi… ma non lo hai fatto, quindi te lo chiedo io: che succede? Se non vuoi dirmelo, va bene… ma assicurami che non è nulla di grave… assicurami che è una cosa passeggera!»

L’uomo fissò l’amica incapace di proferire parola.
Aveva ragione lei: era triste.
Lo era da tempo oramai, una tristezza che gli si era attaccata alla pelle, all’anima. Una tristezza di cui non si poteva liberare.
Si sollevò adagio sul materasso e si fissò le mani.
«Mela… io… io non lo so se è una cosa passeggera… sicuramente non è grave, ma…»
La donna allungò una mano e toccò la spalla di Davide.
«Ok… va bene, quando ci capirai qualcosa anche tu, me ne parlerai…»
«Da quando sei diventata così saggia?»
scherzò lui.
«Hey! Aver preso poche decisioni sagge, non fa di me una persona non saggia!»
replicò stizzita.
Davide rise.
«Ma ti ascolti quando parli?»
«Mai! Per quello ci sei tu!»
«Vieni qui, scema»
La tirò a sé e l’abbracciò. Affondò il naso nel collo di lei e ne inalò il profumo fruttato.
«Ci vieni con me?»
le chiese, senza sollevale il volto.
«Dove?»
domandò lei, ancora stretta a lui.
«Alla cena per il nonno» spiegò «Non mi va di andarci da solo…»
«Ci sarà tutta la tua famiglia… non sarai solo…»
«Senza di te, sarò solo…»
insisté lui.
Melania sorrise e rispose:
«Ti stai rammollendo, DeFerlo!»
«Non rovinare il momento!»
la rimproverò bonariamente.
Si sciolsero dall’abbraccio e tornarono a chiacchierare.

Le buste della spesa erano stracolme e con i nuovi sacchetti biodegradabili era impossibile sperare di arrivare a casa senza perdere qualcosa per strada. Elena era solita portarsi in borsa i sacchetti di tela, ma quel pomeriggio li aveva dimenticati. Le capitava sempre più spesso di dimenticare le cose. In realtà non le dimenticava, ma la sua mente si attaccava ad altri pensieri, più importanti delle buste di tela.
Nonostante il freddo pungente iniziò a sudare. Desiderò non aver indossato la sciarpa pesante di lana nera, ma ormai era tardi e mancava poco per arrivare a casa.
A pochi passi dalla meta, però, una delle buste farlocche si strappò nella parte inferiore facendo rotolare fuori tutto il contenuto. Si trattenne dall’imprecare ad alta voce e si affrettò a raccogliere prodotti sparsi sul marciapiede umido.
«Dovrebbero arrestare chiunque abbia inventato queste diavolerie»
La voce femminile giunse alle orecchie di Elena, causandole brividi lungo la schiena. Era da più di un anno che non la sentiva. Rallentò il recupero frenetico del cibo e sollevò lo sguardo sulla figura che si stagliava alta e scura sopra di lei.
«Melania…»
sussurrò, tra spavento e sorpresa.
«Ti serve una mano?»
chiese la donna spuntata dal passato.
«S-sì… grazie»
balbettò Elena.
Melania si abbassò e raccolse il resto dei prodotti.
«Come stai, Elena?»
le chiese.
«Bene… e tu?»
«Mmm… non c’è male…»
Le due donne si sollevarono con le braccia piene di ogni sorta di generi alimentari.
«Abiti sempre al 22?»
domandò.
Elena annuì, recuperò il resto delle buste ancora integre fece strada.
«È capitato anche a me un paio di volte… ma io compro poche cose, me la sono cavata ficcando tutto in borsa»
proruppe Melania.
«Oh… in genere mi porto dietro le buste di tela… ma oggi le ho dimenticate…»
si giustificò la donna.
«Buste di tela… a questo non avevo pensato!» commentò «Eccoci qua»
concluse, fermandosi di fronte ad un vecchio portone dalla vernice rossa, scrostata.
Elena tirò fuori dalla tasca del cappotto le chiavi.
«Per fortuna c’è l’ascensore…»
disse timidamente.
«Già! Un lusso mica da ridere!»
Si scambiarono un sorriso impacciato e salirono all’ultimo piano del palazzo.

L’odore di cioccolata invase le narici di Melania che ne inspirò l’odore dolce e pungente, facendole venire l’acquolina in bocca.
«Mmmh… che odorino! Ti sei data ai dolci?»
domandò, poggiando le scatole di cibo che aveva tra le braccia sul tavolino del salotto.
«Oh… solo dei friandes che ho fatto a tempo perso…» rispose «Vuoi assaggiarli? Magari con una tazza di caffè?»
chiese ansiosa Elena.
«Non dico mai di no al caffè, e non dirò mai di no ai dolci! Sono tua!»
fece allegra.
Elena annuì.
«Fammi mettere a posto la spesa ed arrivo…»
«Ti do una mano?»
si offrì.
«Oh, no! Davvero… accomodati, faccio in un attimo!»
Recuperò il cibo lasciato sul tavolino e sparì in cucina.

Rimasta sola, Melania si guardò intorno.
Tutto sembrava rimasto uguale all’ultima volta che era stata lì: era una sera d’autunno ed Elena e Davide l’avevano invitata a cena, avevano scherzato  sui suoi assurdi appuntamenti ed avevano guardato un film.
Sembrava trascorsa un’eternità.

«Eccomi…»
La voce di Elena la fece trasalire.
«Scusa… non volevo spaventarti…»
«Figurati, mi ero persa in un ricordo…»
La tranquillizzò. La donna sorrise.
«So cosa vuol dire… mi sembra di non fare altro ultimamente: perdermi nei ricordi…»
Un velo di malinconia le calò sugli occhi.
Melania corrugò la fronte ed inclinò la testa di lato.
«Ricordi belli, spero…»
«I migliori della mia vita…»
replicò nello stesso tono malinconico.
Quasi si fosse resa conto di quel momento di debolezza, scosse la testa e sorrise.
«Beviamo questo caffè o si raffredderà»
la invitò, avvicinandosi con il vassoio al divano.
«Oh… ma che belli!»
commentò Melania, vedendo gli alberelli di cioccolata disposti in un piattino.
«Spero siano altrettanto buoni!»
replicò Elena.
«Lo saranno di certo!»
E così dicendo ne prese uno e lo addentò.
Il cioccolato fondente le si sciolse sulla lingua, accarezzandola con il suo sapore vellutato. Un’esplosione di gusto riempì la bocca di Melania che non poté fare a meno di mugugnare un verso di piacere.
«Sono la fine del mondo! Come i hai fatti?»
domandò con gli occhi socchiusi.
«Oh, beh… sono semplicissime sfoglie di cioccolato fondente, aromatizzato con olio essenziale alla menta piperita, e decorate con un po' di mompariglia dorata e zucchero al velo…»
rispose con modestia Elena.
«Sono il nirvana del gusto! Secondi solo ai dolci alle mandorle di Dav…»
Melania ingoiò il resto del nome insieme al cioccolato, si portò una mano sulla bocca e si scusò con lo sguardo.
«Non essere stupida… non è Voldemort, puoi nominarlo!»
«Scusa… è che ne so così poco sul perché sia finita tra di voi… che non so cosa posso o non posso dire…»
Elena fece un’espressione stupita.
«Non... lui non ti ha detto perché è finita?»
si meravigliò.
Melania scosse la testa in segno di diniego.
«Non che glielo abbia chiesto… ma non mi è mai sembrato propenso a parlarne…»
«Capisco… ha senso…»
«Per te, forse… per voi! Per me no. Vi ho lasciati che eravate l’una l’estensione dell’altro… e vi ho ritrovati… a pezzi…»
Gli occhi di Elena si colmarono di lacrime.
«Lui è a pezzi?»
«Certo che sì! Ed anche tu… e quindi mi chiedo… che diavolo ci fate ancora divisi?»
«È una storia lunga…»
singhiozzò.
«Si dà il caso che io abbia tempo, amica mia…»
Melania incrociò le braccia sul petto e si lasciò andare contro lo schienale del divano.


4 settimane prima:

Davide andò a pagare il debito di Lorenzo con l’autista dell’autobus, invitando il cugino ad iniziare a salire in macchina. Il giovane aprì la portiera del veicolo e si chinò a salutare la donna seduta al posto del passeggero.
«Buonasera!»
Melania spalancò gli occhi e la bocca vedendo il viso tumefatto di Lorenzo.
«Lo so! Lo so! Sono uno schianto!»
scherzò.
«Se sei uno schianto non lo so… di sicuro ti sei schiantato da qualche parte! Che diavolo hai fatto?»
domandò Melania, ancora sconvolta.
«Storia lunga, lunghissima…»
svicolò il ragazzo, salendo in macchina.
«Ho tempo»
insisté lei.
«Beata te… io invece ho sonno!»
replicò Lorenzo.
«Sicuro di stare bene? Devi andare in ospedale?»
si preoccupò lei.
Il ragazzo tossicchiò una risata.
«Se non sono morto in una settimana, non mi succederà niente stasera…»
Melania tacque e lo osservò sistemarsi sul sedile posteriore.
«Allora…» aggiunse Lorenzo «Come mai tuo marito ti ha concesso di uscire di casa a quest’ora?»
«Io e Alfio abbiamo divorziato… da quasi 4 anni oramai!»
lo informò.
«Oh… questa si che è una sorpresa… e ti ha lasciata lui o…»
«O…»
Lorenzo piegò gli angoli della bocca verso il basso, in segno di apprezzamento.
«Ed Elena? perché lei non è qui?»
«Certo che sei proprio aggiornato! Lei e Davide hanno rotto… un anno fa…»
Il giovane spalancò gli occhi e sollevò la testa.
«Quindi… tu e lui… avete finalmente deciso di mettervi insieme?!?»
«Cosa?» si scandalizzò Melania «Sei impazzito? Davide è come un…»
«Oh, ti prego» la interruppe «Non dire “fratello”! Non sopporto questa cazzata!»
«Ok… Davide è come una sorella…»
Lorenzo scosse la testa e rise.
«Ne riparleremo al matrimonio…»

Vera ©

40 commenti:

  1. Tutti i nodi stanno venendo al pettine... certo che tra Davide e Melania,
    continuo a credere ci sia qualcosa in più dell'amicizia !! *__*
    Bacioni e buona Domenica !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caterina,
      eh c'è qualcosa sì più dell'amicizia: la fratellanza! :D
      A parte gli scherzi, non temere, ci sarà presto un approfondimento sul loro legame ;)
      Bacioni e a presto,
      V.

      Elimina
  2. Certo che questi intrecci di sentimenti sono molto avvincenti, il ritorno di Lorenzo
    e l'incontro con Davide credo ci regalerà ancora qualche sorpresa... ma anche tra
    Elena e Lorenzo è ancora tutto da chiarire !!! ^__^
    Brava Vera, aspettiamo... ^__* !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica,
      ti ringrazio! Sì... ci sono ancora un po' di cose da scoprire, ma non manca molto :D
      Baci,
      V.

      Elimina
  3. La complicità che c'è tra Davide e Melania è stupenda, il fatto che lei riesca anche a fare
    da pacificatrice con Elena dimostra la sua bontà d'animo. Tutto da sviluppare il ritorno di
    Lorenzo, troverà la sua strada ? ^__^
    Bella storia, alla prossima !!!
    Bacioni da STELLAMAR.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stellamar,
      sì, Melania e Davide sono dolcissimi insieme e per quanto riguarda Lorenzo... forse è la sua strada che lo troverà ;)
      baci,
      V.

      Elimina
  4. Ogni volta mi piace rileggere le storie in sequenza, ci trovo molta verità nei rapporti e comincio
    ad immaginare il capitolo successivo... e la fantasia vola !!! *__*
    Brava Vera, sei coinvolgente !!
    Bacioni da Carmela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmela,
      sono contentissima che ti siano piaciute così tanto!
      Grazie!
      Baci,
      V.

      Elimina
  5. E brava Vera !!! *__* Anche stavolta hai giocato molto bene con gli intrecci,
    tra Davide, Elena, Lorenzo e la stupenda Melania la storia intriga !!
    Bacioni e buona Domenica !!

    RispondiElimina
  6. Piacevole lettura, la storia credo stia per arrivare ad un finale dove tutti i rapporti,
    in un modo o nell'altro, verranno chiariti... aspetto con impazienza !!! *__*
    Un abbraccio e buona Domenica !!
    P.s. I biscottini promettono bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mafalda,
      eh sì, ci stiamo avvicinando all'epilogo... un po' sono triste e un po' sono contenta... è stata davvero una gran bella esperienza!
      Bacioni,
      V.

      Elimina
  7. Eh si, ce ne sono cose da sistemare, rapporti da chiarire e da ricostruire, vite da ricominciare.
    Insomma è la vita, non ti dà mai il tempo di annoiarti !!! ^__^
    Buon lunedì, bacioni !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marta!
      Eh...questa vitaccia! Per fortuna c'è gente che 'ha tempo' e può aiutare a mettere le cose a posto!
      Bacioni,
      V.

      Elimina
  8. Davide sembrava il più positivo ma alla fine un problema ha fatto cambiare anche lui,
    per fortuna che c'è Melania... che nome simpatico !!! ^__*
    Un abbraccio e buon inizio settimana !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melasani,
      Davide è ferito... e presto scoprirai anche perché!
      A presto e bacioni,
      V.

      Elimina
  9. Certamente di storie da mettere a posto ce ne sono, vediamo come và a finire... ^__* !!
    Bel racconto anche stavolta, brava !!
    Ciao !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Walter,
      ti ringrazio di cuore! A presto, baci
      V.

      Elimina
  10. Mi piace lo spirito d'osservazione di Melania, mi piace il fatto che voglia provare a sistemare le cose tra Elena e Davide, il suo miglior amico... anzi "sua sorella" :-)))) e mi è piaciuto lo scambio di battute tra Lorenzo e Mela.......
    A cosa porterà tutto questo? Cosa dobbiamo ancora sapere???
    Aspettiamo :-)
    Grazie sempre tantissimo cara Vera, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh Debbie...
      lo sai quanto mi piace tirarla per le lunghe :D
      Ma siamo agli sgoccioli, quindi presto svelerò ogni arcano!!! Intanto grazie di cuore... per tutto!!!!
      Bacionissimi,
      V.

      Elimina
  11. Una piacevole storia per iniziare bene la settimana, oramai i rapporti si stanno per chiarire
    anche se Lorenzo si porta ancora dietro qualche problema...
    Un bacione !!! ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martina,
      lieta di aver dato il via positivo alla tua settimana, so quanto possono essere duri i lunedì :D
      Grazie mille, bacioni
      V.

      Elimina
  12. Brava Vera, queste tue storie coinvolgono davvero tanto !! ^__^
    Baci !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia,
      grazie mille! Sono contenta ti siano piaciute!
      Baci,
      V.

      Elimina
  13. MI è piaciuta molto anche questa storia, i personaggi si stanno sviluppando,
    alcuni in positivo altri con un attimo ancora di mistero alle spalle, vediamo dove
    ci porterai !!! ^__*
    Ciao !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sergio,
      dove vi porterò? Saranno i personaggi a deciderlo!
      Grazie di cuore, bacioni
      V.

      Elimina
  14. Quanto vorrei conoscere una come Melania !!! ^__^
    Un amica così è veramente rara.
    Un abbraccione !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Very,
      eh già! Di persone positive come lei ne servirebbero almeno tre ciascuno :D
      Bacioni,
      V.

      Elimina
  15. Simpatici e costruttivi i dialoghi tra Davide e Melania, sarebbero una bella coppia...
    se sarà destino !!! ^__*
    Ti abbraccio !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorella,
      ma loro sono già una coppia... in un certo senso :D
      Bacioni,
      V.

      Elimina
  16. Il tempo e le esperienze cambiano le persone, lo ha capito bene Davide che non ritrova
    il Lorenzo che conosceva e rischia, anche, di perdere se stesso... per fortuna c'è la fatina
    buona, Melania !!! ^__^
    Buon lunedì e, a proposito, posso avere un pò di dolcetti ?!?! ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria,
      la vita ci cambia, ma ci sono delle persone sempre pronte a ricordarci come eravamo... e tante volte, tanto basta, no?
      I dolcetti chiedili a Debbie, è lei quella che sa cucinare, io solo uova al tegamino XD
      Bacioni,
      V.

      Elimina
  17. Carino il racconto, ma quanta "carne" al fuoco... come andrà a finire ??? ^__*
    bacioni !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia,
      eh... come andrà a finire... vedrai, vedrai! :D
      Bacioni,
      V.

      Elimina
  18. Questo connubio di idee, letterarie e culinarie, continua alla grande.
    Ora aspetto la ricetta... gnam, gnam !!! ^__^
    Tanti baci !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina,
      sono super felice che vi sia piaciuta l'idea e che le storie abbiano riscontrato il vostro entusiasmo!
      Grazie di cuore,
      Baci,
      V.

      Elimina
  19. Care ragazze, ma che coppia siete ??? ^__^
    Bello il racconto ma anche la ricetta promette bene...
    Bacioni !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michela,
      ma grazie!!! Sempre più felice di aver detto di sì a Debbie!
      Baci,
      V.

      Elimina
  20. Non mi sono perso nemmeno questo capitolo, è un caso raro, non sopporto
    i romanzi a puntate... questo però lo finirò !!! Brave !!!
    Bye bye e buon lunedì !! ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sanlucas,
      quale onore! Superfelicissima di non essermi fatta odiare, allora!!!
      A presto, baci
      V.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...