sabato 29 gennaio 2011

Di rosso... vestito!!!


ROMANTIQUE COCKTAIL
(dosi valide per 2 persone)
Ingredienti:
2 dl. di succo di ribes; 2 cucchiaini di zucchero semolato; 2 cucchiai di Grand Marnier (o succo d'arancia); 2 grappolini di ribes per decorare; spumante q.b. (o acqua gasata).
Preparazione:
Pulire e sgranare il ribes, frullarlo e filtrarlo.
Aggiungete il liquore o il succo d'arancia se volete una versione analcolica e lo zucchero. Mescolate e versate nei flute.
Completate con lo spumante o l'acqua gasata, decorate con il grappolino di ribes tenuto da parte e servite con dei cubetti di ghiaccio a forma di cuore.
Di rosso vestito... non ha bisogno di spiegazione no?!
Rosso; rouge; red... in qualsiasi lingua lo si dica è sempre il colore rappresentativo della passione; dell'amore e quindi...!
Per più persone aumentare di un'unità tutti gli ingredienti tranne lo zucchero, quest'ultimo deve essere al massimo un cucchiaio.
Con questa ricetta partecipo al contest "Hart to Hart" di Cuocicucidici anche se i cuoricini sono solo un complemento e non parte integrante della ricetta; infatti cara Flavia se non dovesse andare bene, nessun problema.

giovedì 27 gennaio 2011

Una per... tanti!!!


CUORI DI SFOGLIA
(dosi variabili)
Ingredienti:
Un rotolo di pasta sfoglia; crema al pistacchio; cioccolato fondente; liquore Strega e zucchero semolato q.b.
Preparazione:
Srotolare la pasta sfoglia che deve essere a temperatura ambiente e con uno stampino di medie dimensioni fare tanti cuori da accoppiare; pennellare con il liquore e con i rebbi di una forchetta bucherellare un po' in più punti.
Mettere un cucchiaino di crema al pistacchio sopra metà sagoma, coprire con la seconda parte e sigillare i bordi facendo pressione con la forchetta.
Spennellare di nuovo con il liquore, cospargere di zucchero e mettere in frigo per 30 minuti.
Passare in forno caldo a 220° per 10 minuti; abbassare la temperatura a 190° e far cuocere per altri 5/7 minuti. Togliere i cuoricini dalla leccarda ricoperta da carta forno e trasferirli su una gratella.
Far fondere a bagnomaria il cioccolato fondente e con l'aiuto di un conetto di carta fate dei ghirigori sopra i vostri cuori. Solidificato il cioccolato, servire e gustare.
Una per tanti... ottimizziamo i tempi che rischiano di diventare od essere sempre stretti... perché con questa semplicissima idea più che una ricetta partecipo a:
"La sfoglia... che follia" de Il Profumo di Zagara
"Hart to Hart" di Cuocicucidici
"Oro verde di Sicilia" de La cucina di Tatina

martedì 25 gennaio 2011

Difficile... questo mese!!!


POLPETTINE DI VERZA IN SALSA PICCANTE (dosi valide per circa 20 pz.)
Ingredienti:
6/8 foglie di verza; 120 gr. di tonno sott'olio; un cucchiaino di capperi sotto sale; un filetto d'acciuga; un cucchiaio di olive nere tritate; 1 spicchio d'aglio; 2 fettine di pancarré; sale; peperoncino; latte; olio di semi q.b.
Salsa:
60 ml di passata di pomodoro; 100 ml. d'acqua; 3 cucchiai d'aceto di vino bianco; 1/4 di cipolla tagliata sottilmente; 1 spicchio d'aglio intero; 2/3 peperoncini secchi e piccoli tritati; un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva; un cucchiaino di timo fresco; 2/3 cm. di radice di zenzero grattugiata; sale q.b.
Preparazione:
Far ammorbidire le fette di pancarré nel latte. Nel frattempo con una forchetta amalgamate il tonno con le olive; il filetto d'acciuga spezzettato; i capperi puliti dal sale e sminuzzati; aggiungere le fette di pane ben strizzate; regolate il gusto con un po' di peperoncino e fate le polpettine.
Prendere le foglie di verza più esterne e fatele bollire in abbondante acqua salata per qualche minuto.
Scolate la verdura e mettetela ad asciugare su un canovaccio.Con le foglie di verza racchiudete le polpettine di tonno, aiutandovi con dello spago da cucina e fatele leggermente dorare in una padella con l'olio di semi e lo spicchio d'aglio intero da togliere a fine cottura.
Per preparare la salsa allo zenzero, mettete in un tegame tutti gli ingredienti, portare a bollore; frullare il tutto e continuare a far cuocere, su fuoco basso per 15/20 minuti sin quando il sugo non si è ristretto il più possibile.
Io ho usato le polpette fredde e la salsa calda, si vede anche dalla condensa che si è formata sul bicchiere, ma nessuno vi vieta di usare entrambe le cose alla stessa temperatura.
Appuntamento mensile con la sfida di Menù Turistico, su proposta di Mapi La Apple Pie di Mary Pie la vincitrice del mese scorso: Involtini di verza.
Ma... la verza piace poco a casa, nonostante comunque siano state molto gradite e l'ispirazione non arrivava o forse continua a non essere arrivata; però ormai il dado è tratto.. mi appello alla clemenza della corte :-)

domenica 23 gennaio 2011

Riassunto... partecipativo!!!

EXOTIC PINEAPPLE MENU'

Contest di Aurore del blog Biscotti rosa e tralala "Menù à la carte", che doveva essere composto da 3 portate con un leit motiv comune e come elemeno trainante io ho scelto l'ananas perché già di per sé è uno tra i frutti esotici più conosciuti; molto versatile ed inoltre piace a tutti e due; il che è molto raro dato il feeling mancato che mio marito ha con la frutta, alcuni frutti soprattutto.

Antipasto: Tartara di salmone

Primo: Riso venere fish & fruit

Dessert: Ananas caramellato

'notte e buon inizio settimana.

sabato 22 gennaio 2011

Gli errori... da evitare!!!


ANANAS CARAMELLATO
(dosi variabili)
Ingredienti:
50 gr. di zucchero semolato; 1/2 cucchiaio d'acqua; ananas fresco a fette; gelato alla vaniglia o crema; ribes; cannella in polvere q.b.
Preparazione:
Affettare l'ananas e togliere la parte interna centrale perché dura e tenerlo da parte.
In un pentolino dal fondo spesso mettere lo zucchero e l'acqua, a fuoco basso farlo diventare un caramello biondo.
Con due forchette girate le fette d'ananas nel caramello, facendole sgocciolare e poi posizionatele sul piatto. Al centro mettete una pallina di gelato; unite il ribes e spolverate di cannella.
Servire subito.
Gli errori da evitare... da dove comincio?? Beh dall'inizio direte voi, ok :-)
Questa semplicissima ricetta ma molto buona l'ho presa da uno speciale della Cucina Italiana e quindi se volete ottenere il bell'effetto ottico che vedreste lì:
affettare più sottilmente l'ananas ed usate meno cannella... i miei primi due errori; però purtroppo non gli ultimi.
Attenzione.... se una goccia di caramello sta per cadervi sul piano di lavoro o in terra come è capitato a me, non mettete d'istinto la mano sotto a raccoglierla prima che cada o.... arghhhhhh che dolore; la mia bella bollicina da scottatura è infatti sulla mano a testimonianza di quanto io sia stata stupida :-)
Tutto qui, per il resto come ho già detto semplicissima ma buona.

Dal niente per giorni al forse troppo tutto insieme, perché altrimenti non ce la faccio a rispettare alcuni impegni "partecipativi"...!
Buon sabato :-)

venerdì 21 gennaio 2011

Un tocco... esotico!!!


RISO VENERE FISH & FRUIT
(dosi valide per 2 persone)
Ingredienti:
140 gr. di riso venere; 300 gr. di code di gambero; un cucchiaio d'uova di lompo rosse; uno spicchio d'aglio; 150 gr.di ananas fresco; 50 gr. di cuori di palma; un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva; 2 cucchiai di rucola; sale; peperoncino; olio evo e grani di pepe rosa q.b.
Preparazione:
Sgusciate e pulite le code di gambero. Fate scaldare in una padella un filo d'olio con lo spicchio d'aglio intero da togliere a fine cottura, unite le code di gambero; le uova di lompo e fate cuocere, rimestando spesso per circa 10 minuti; poco prima di spegnere il fuoco aggiungete la rucola tagliata finemente ed i grani di pepe rosa. Tagliate a tocchetti l'ananas; i cuori di palma e metteteli in una capace terrina; unite il cucchiaio d'olio; le code di gambero cotte; regolate di sale; aggiungete il peperoncino; mescolate e riponete in frigo per un paio d'ore coperto da pellicola alimentare.
Nel frattempo lessate il riso in abbondante acqua salata per circa 40 minuti, scolatelo ed amalgamatelo con l'nsalata di pesce e frutta preparata precedentemente.
Servire subito.
Un paio d'anni fa per festeggiare San Valentino (potrebbe essere un'idea dato che la festa più romantica dell'anno si avvicina) ho organizzato una crociera gastronomica, tutto un menù dall'aperitivo al dolce con portate di diverse nazionalità (mi spiace non avere più nessuna foto) per farvi un esempio: sangria e tapas per andare in Spagna; pita con salsa taztziki e quenelle di feta per rappresentare la Grecia e... tra questi piatti ho preparato anche il riso venere allo stesso modo con una piccola variante... prosciutto cotto al posto delle code di gambero ed uova di lompo ma non mi era piaciuto! Troppo dolce per i miei gusti, sembrava davvero di mangiare un dessert e non un primo piatto agrodolce; ecco perché ho voluto provare la variante con il pesce e devo dire che stavolta sono rimasta molto soddisfatta.
Il sapore è più persistente, il giusto mix di freschezza; gusto e delicatezza.
Con l'occasione vi auguro buon fine settimana.

Partecipo al contest "Il mare nel piatto" del blog La cucina come non l'avete mai vista.
Vino consigliato: SYLVANER "RUTTENSTEINER"
Un bianco doc importato dalla Germania che si è ambientato benissimo, specie nella provincia di Bolzano dove viene prodotto.
Dal caratteristico colore giallo paglierino con leggere rifrazioni verdognole. E' un vino molto profumato, con un bouquet gradevole; fine; dai forti sentori d'agrumi e fiori di montagna. Il sapore è delicato; fresco; armonico. Ottimo in abbinamento a crostacei e pesci anche d'acqua dolce.
Va servito fresco e bevuto giovane, al massimo entro 2 anni dall'imbottigliamento.

mercoledì 19 gennaio 2011

Frase di... Walt Whitman!!!


RICOTTA AL FORNO
(dosi valide per 2 persone)
Ingredienti:
200 gr. di ricotta; un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva; il succo di 1 o 2 limoni (dipende da quanto sono succosi); 2 fette di pancarré; sale; peperoncino e rosmarino q.b.
Preparazione:
Fare un'emulsionare con l'olio; il succo del o dei limoni; il sale ed il peperoncino. Usarne un po' per lavorare la ricotta che non deve proprio essere ridotta in crema, mentre con quella rimasta bagnare il fondo e le pareti di 2 stampini in alluminio usa e getta.
Mettete un po' di rosmarino nello stampino e poi con un cucchiaio posizionate la ricotta, schiacciandola non eccessivamente. Togliete la crosta laterale alle fette di pancarré ed inumiditele con un po' di liquido; usatele per tappare il vostro composto.
In forno caldo a 220° per almeno 1/2 ora. Sformate e servite, spolverandole con altro rosmarino se volete.
"La semplicità è la gloria dell'espressione"... frase nella quale mi rispecchio moltissimo; mi piacciono davvero poco fronzoli ed orpelli di tutti i generi ed in tutti i campi; semplicità che non deve però essere intesa come sciatteria o minimalismo... al contrario sono sempre alla ricerca del particolare ma senza eccedere nell'eccentricità; sperando ovviamente di esserne davvero capace nel provarci e/o nel riuscirci.
"Edo ergo sum" il contest di Cooking Elena cui partecipo con questa ricetta... perché mi rappresenta davvero tanto. "Penso dunque esisto" e lo faccio come detto prima con semplicità; a questo aggiungiamo che mi piacciono molto i limoni, dato che il loro colore ma soprattutto il loro odore secondo me è il profumo che ha il sole; uniamo delle sfumature di blu per ricreare il mare; il cielo ed il gioco è fatto... sono io con i miei colori preferiti specie se abbinati insieme e tra gli elementi naturali che più di altri mi fanno sentire a mio completo agio; me stessa.

sabato 15 gennaio 2011

Un po' dolce... un po' agro!!!


TARTARA DI SALMONE
(dosi valide per 2/4 persone)
Ingredienti:
150 gr. di salmone a fette; 100 gr. di ananas fresco; 100 gr. di finocchio; un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva; il succo di un'arancia bionda; il succo di un lime; sale; pepe verde; dragoncello in polvere; rucola q.b.
Preparazione:
Preparare un'emulsione con l'olio; il succo degli agrumi; il pepe verde ed il dragoncello. Tagliare in piccoli pezzi il salmone; l'ananas ed il finocchio; metterli in una terrina e condire il tutto con la vinaigrette, mescolare. Far macerare in frigo coperto da pellicola alimentare per un giorno.
Lavare e tagliuzzare la rucola, disporla sul piatto. Far sgocciolare per bene l'insalata e formarla sopra il letto di verdura. Filtrate il succo di macerazione e poco prima di servire usatelo per irrorare un po' la vostra tartara.
Il dolce dato dall'ananas si sposa benissimo con l'agro degli agrumi, così come il sapore sapido del salmone viene smorzato dalla presenza del finocchio, l'insieme risulta molto fresco e gradevole.
In ritardissimo vi auguro buon fine settimana o buon inizio, a seconda di quando leggerete :-) scusatemi per la latitanza che non credo però sia ancora finita del tutto; vedremo... anche perché mi mancate!!! Byeeeeeeee

lunedì 10 gennaio 2011

Per i festeggiamenti... che furono!!!


TRONCHETTO NATALIZIO
(dosi valide per 8/10 persone)
Ingredienti:
3 uova; 115 gr. di farina "00"; 115 gr. di zucchero semolato; un pizzico di sale; zucchero al velo q.b.
Farcia:
250 ml. di panna vegetale; 180 gr. di torrone bianco; 100 gr. (75+25) di zucchero semolato; un cucchiaio + 1/2 di liquore al caffé; un cucchiaino di caffé solubile; 2 albumi; 5 cucchiai d'acqua; un pizzico di sale.
Copertura:
3 cucchiai di latte; una noce di burro; 400 gr. di cioccolato fondente; pasta di zucchero; coloranti alimentari; decori di zucchero e zucchero al velo q.b.
Preparazione:
Lavorare a spuma le uova tenute a temperatura ambiente con lo zucchero semolato ed il pizzico di sale per almeno 20 minuti; unire gradatamente la farina e spandere su una teglia rettangolare con bordi bassi. In forno già caldo a 180° per 12 minuti.
Capovolgere la pasta biscotto su un canovaccio cosparso di zucchero al velo, arrotolare ben bene ed aspettare che si freddi.
Nel frattempo montate la panna con il liquore ed il caffé solubile. Sminuzzate il più possibile il torrone con un robot ed unitelo al composto, senza smontarlo.
Preparate la meringa italiana, mettendo in un pentolino l'acqua con 75 gr. di zucchero e su fuoco basso raggiungete la temperatura di 116° (serve il termometro) senza mai mescolare. Semimontate nel frattempo gli albumi con il sale ed il restante zucchero. Una volta pronto unite lo sciroppo facendolo cadere a filo e continuando a montare il tutto, sino a quando il composto non si sarà freddato ed avrà raggiunto una consistenza lucida; soffice e soda allo stesso tempo.
Unite la meringa al composto di panna e torrone, pochi cucchiai alla volta ed amalgamate non con movimenti rotatori ma sollevando dal basso verso l'alto, facendo dei tagli a croce sulla meringa per farla inglobare meglio.
Aprite il rotolo, farcitelo e richiudetelo a forma di salame, sempre aiutandovi con il canovaccio, fatelo freddare per almeno un giorno in frigo.
Tagliate di sbieco le due estremità ed avvicinatele al tronchetto, posizionandole dove più vi aggrada.
Fate nel frattempo sciogliere il cioccolato a bagnomaria con il burro ed il latte; ricoprite la superficie del tronchetto e non appena si è un po' rappresa rigatela con l'apposita spatola dentellata o con i rebbi di una forchetta, affinché le striature possano simulare la corteccia di un albero. Decorate con una spolverata di zucchero al velo e con i ninnoli che avrete comprato o preparato.
Conservare in frigo ma riportarlo a temperatura ambiente prima di gustarlo.
La pasta biscotto si mantiene morbidissima ma se volete prima di farcirla, potrete bagnarla un po' con un liquore di vostro gusto, attinente magari alla farcia usata.
Questo dolce mi è servito per festeggiare l'arrivo del nuovo anno insieme ai miei cari... fuori tempo massimo ovviamente ma, non potevo tenerlo in archivio in attesa di pubblicarlo tra qualche mese.. rischiava di diventare brutto ed immangiabile ;-)
Scusate.. per fortuna di prettamente natalizio non ho altro; poi mi è rimasto qualcosa di più elastico in termini di forme... va beh ne approfitto per rifarvi gli auguri di un buon 2011.
La ricetta della pasta biscotto senza la striatura colorata è la stessa usata per la torta della mia mamma e per quella del mio compleanno; mentre la ricetta della mousse al torroncino che ho variato un po', l'ho presa da Il piccolo ricettario (grazie).
Avendoci preso gusto a linkare qualcosa o qualcuno, uso questo post anche per ringraziare i miei due angeli custodi "grafici"... Azzurra di Grafic Scribbles che ha curato l'estetica del mio blog per tutto il 2010 e Madis de L'angolino... cose da blog che ha invece inaugurato il 2011.

lunedì 3 gennaio 2011

Prima che sia... troppo tardi!!!


TARTINE COLORATE
(dosi variabili)
Ingredienti:
Pane di segale; maionese; ketchup; brandy; tabasco; salsa worcester; panna acida; uova di lompo rosse; erba cipollina q.b.
Preparazione:
Preparare la salsa cocktail amalgamando la maionese con il ketchup; il brandy; il tabasco e la worcester; tenere da parte.
Con delle formine da biscotti realizzare le sagome scelte sulle fette di pane; spalmarle di salsa cocktail e poi decorare con panna acida; uova di lompo ed erba cipollina.
Tenere in frigo coperte da carta trasparente e riportare a temperatura ambiente prima di servirle.
Ho preparato queste tartine per fare il brindisi augurale con i miei colleghi, nulla di complicato ma non avendo un forno a micro onde a disposizione ho preferito portare qualcosa che non avevesse bisogno di essere scaldato appunto, come le tartine natalizie che facevano parte dell'insieme.
Finite le feste non vedo l'ora di togliere gli addobbi e non riesco ad aspettare la befana quest'anno perché domani vado via e torno quando tutto è già finito; ecco perché prima che sia troppo tardi vorrei pubblicare quel poco che ho fatto in questo periodo...!
Ben trovati e si ricomincia :-)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...