mercoledì 31 marzo 2010

Assolutamente... non dietetica!!!


TORTINO DI PATATE E FUNGHI
(dosi per 4/6 persone)
Ingredienti:
1 rotolo di pasta sfoglia; 3 patate medie; 200 gr. di funghi porcini freschi o surgelati; 150 gr. di pancetta a dadini; 2 uova; 80 gr. di parmigiano o grana grattugiato; 1 spicchio d'aglio; 250 ml. di latte; 6/7 fette di emmental; 1 cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva; 1 cucchiaio di pan grattato; sale e pepe q.b.
Preparazione:
Battete le uova con il latte ed il formaggio, tenere da parte.
Tagliate le patate a dadini e lessatele in acqua bollente salata, facendo attenzione a non romperle. Scolatele e tenetele da parte. In una capace padella mettete l'olio e fatelo scaldare, unite la pancetta e fatela rosolare. Aggiungetela alle patate.
Tagliate i funghi a cubetti e fateli saltare nella stessa padella, con lo spicchio d'aglio intero che toglierete a fine cottura; regolate di sale e pepe. Stendete la pasta sfoglia e rivestite una teglia da 26cm di diametro; ricoperta da carta forno. Distribuite il pan grattato sulla pasta sfoglia, servirà per assorbire l'umidità delle verdure.
Disponete sul fondo le patate, i funghi e la pancetta. Versate il composto di uova; latte e formaggio; coprite il tutto con le fette di emmental e mettete in forno già caldo a 200° per circa 35/40 minuti.
Servite tiepida o attenti alle ustioni.
E' veramente molto gustosa, ma come detto prima abbastanza calorica; piatto unico ovviamente od anche antipasto all'occorrenza.
Con questa ricetta partecipo al contest "Mario's Mushroom" di Federica del blog Pan di Ramerino.

Vino consigliato: FIVE ROSES "LEONE DE CASTRIS"
Un vino di origine pugliese, tipico della zona del Salento; ottenuto con uve Negroamaro e Malvasia nera.
Dal caratteristico colore rosato, ha un profumo vinoso e fruttato; mentre al gusto risulta asciutto; vellutato; caldo ed armonico. E' un vino definito a tutto pasto, perchè si abbina bene a zuppe; bolliti e minestre.
Non è propriamente da invecchiamento ma, se ben conservato, mantiene inalterate le sue proprietà per 5/6 anni.

lunedì 29 marzo 2010

Il primo... incontro!!!


TROFIE CON ASPARAGI E GAMBERETTI
(dosi per 4 persone)
Ingredienti:
300 gr. di trofie fresche; 300 gr. di gamberetti; 300 gr. di asparagi; 1/2 bicchiere di vino bianco; 1 peperoncino secco di quelli piccolini; 1 spicchio d'aglio; 2 cucchiai di olio d'oliva; 400 gr. di pomodori pelati; sale q.b.
Preparazione:
Lavare e mondare sia gli asparagi che i gamberetti; tagliare i primi a tocchetti e tenerli da prte. In una capace padella mettere l'olio; il peperoncino sminuzzato e l'aglio tagliato a pezzettini; far scaldare ed aggiungere prima gli asparagi e farli rosolare un po'; poi i gamberetti e far rosolore anche questi.
Unire il vino e far sfumare, abbassare la fiamma ed aggiungere i pelati a tocchetti.
Lasciare cuocere a fiamma bassa, sin quando tutti gli ingredienti non sono ben amalgamati fra loro e cotti ovviamente, regolare di sale e spegnere il fuoco.
A parte lessate la pasta, scolatela al dente e versatela nella padella del condimento. Accendere il fuoco al minimo e mescolare per far legare la salsa con la pasta; servite. Altro piatto di semplice esecuzione ma buonissimo; la prima volta che l'ho mangiato è stato dai miei suoceri al primo incontro con loro.

Vino consigliato: ASPRINIO DI AVERSA "I BORBONI"
Un vino bianco prodotto in Campania dal colore giallo dorato chiaro e sfumature di giallo paglierino molto trasparente.
Al naso esprime aromi intensi; puliti e gradevoli che si aprono con note di mela; susina e biancospino; seguite da aromi di arancio; pera e pesca.
In bocca ha buona corrispondenza all'olfatto, quindi un attacco fresco e di piacevole morbidezza; equilibrato e di buon corpo, abbastanza persistente sul finale.

domenica 28 marzo 2010

Così tenero... che!!!




(dosi valide per 2 persone)
Ingredienti:
350/400gr. di tonno in tranci; 2 cucchiai di olio di semi; 1 bicchiere di vino bianco; 1 bicchiere d'acqua calda; 1 cucchiaino di farina di riso; 2 cucchiai di farina "00"; 1 cucchiaio di rucola finemente tritata; 1 cucchiaio di pepe rosa in grani; sale e pepe misto macinato al momento q.b.
Preparazione:
Lavare il tonno sotto l'acqua corrente farlo sgocciolare, tamponare con carta cucina e velarlo di farina. Mettere a scaldare l'olio, non appena raggiunge la temperatura ottimale unire il tonno e farlo rosolare da tutti i lati. Alzate un po' la fiamma, unite il vino e fatelo sfumare un po'.
Riabbassate la fiamma, unite un bicchiere di acqua calda; la rucola ed i grani di pepe rosa e fate cuocere per almeno 20 minuti. Regolate di sale e pepe.
Non appena il tonno sarà cotto toglietelo dal fuoco e mettetelo nei piatti, abbassate la fiamma al minimo, unite la farina di riso che servirà per far addensare la salsa e mescolate. Con questa nappate il vostro tonno e servitelo.
L'ho visto in mensa da me ed anche se non l'ho mangiato ho cercato di riprodurlo a casa e credo di esserci riuscita; è piaciuto.
Così tenero che... si taglia con un grissino; pubblicità tormentone di qualche secolo fà che in quest'occasione mi è tornata in mente.
Vino consigliato: LACHRIMA CHRISTI "MASTROBERARDINO"
Un buon bianco di origine campana dal colore giallo paglierino, prodotto alle pendici del Vesuvio.
Ha un aroma prettamente fruttato, con sentore predominante di liquirizia. Al gusto risulta equilibrato e pieno, dato che le note di frutta che lo compongono si fondono perfettamente con le note minerali tipiche del luogo di produzione.
Di grande versatilità e di facile abbinamento; ideale con antipasti; primi piatti marinari e pesce arrosto.
Con questa ricetta partcecipo alla raccolta "Sapore di mare" di Manuela del blog La via delle spezie.

giovedì 25 marzo 2010

Festeggiate... con me!!!


TARTUFI BIANCHI
(dosi valide per circa 30 cioccolatini)
Ingredienti:
300 gr. di cioccolato bianco; 100 gr. di panna fresca; 2 cucchiai di rhum o altro liquore a scelta; cocco disigratato q.b.
Preparazione:
In una casseruola a bagnomaria, mettete la panna; il cioccolato spezzettato ed il liquore. Far fondere, mescolare bene e far freddare prima a temperatura ambiente e poi in frigo per 1h e 1/2.
Fare delle palline un po' irregolari, aiutandosi con un cucchiaino e farle rotolore nella farina di cocco. Rimettere in frigo per altre 2h ore circa e poi servire negli appositi pirottini di carta.
La fonte è un libro "Le migliori ricette - Dolci al cioccolato" della Fabbri Editori.
Festeggiate con me perchè questo mio piccolo spazio web, nato un po' per gioco ed un po' come hobby ha già compiuto un mese e le visite sono arrivate a 1000; non osavo davvero sperare in così breve tempo di raggiungere questa cifra per me altissima; quindi grazie ai miei sostenitori; ai miei lettori; a tutti quelli che passano di qui anche solo per dare un'occhiata.
Prego servitevi pure, sono tutti vostri.

mercoledì 24 marzo 2010

Mmmm... che profumino!!!


BABA' ALLA PORTOGHESE
(dosi valide per 6/8 persone)
Ingredienti:
125 gr.di farina "00"; 4 uova; 250 gr.di zucchero semolato; 300 gr. di succo d'arancia bionda filtrato; 2 cucchiaini di lievito in polvere; 100 gr. di Madera o Marsala; 2 cucchiai di olio di semi; zucchero al velo q.b.
Preparazione:
Separate i tuorli dall'albume. Cominciate a sbattere i tuorli con 200 gr. di zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete a poco a poco la farina setacciata con il lievito; unite l'olio e mescolate sino alla completa amalgama degli ingredienti. Unite le chiare d'uovo montate a neve ben soda, mescolando piano, non con un movimento rotatorio ma dal basso verso l'alto.
Versate il composto in uno stampo preferibilmente in silicone, così vi sarà più facile sformarlo e mettete in forno già caldo a 180° per 40 minuti. Sformate il dolce solo quando sarà intiepidito e tagliatelo con un coltello ben affilato.
Nel frattempo preparate uno sciroppo a freddo, quindi senza cottura con lo zucchero rimasto; il succo delle arance ed il liquore scelto. Bagnate ripetutamente il babà, spolveratelo di zucchero al velo e servite.
Ha la stessa morbidezza e consistenza del babà classico; è solo un po' meno impegnativo da preparare e chiaramente avrà un forte sentore di arance; non vuole essere un sostituto ma un'alternativa.

martedì 23 marzo 2010

Colore e... sapore!!!



POLPETTE ALL'ARANCIA
(dosi per circa 20 polpettine)
Ingredienti:
400 gr. di carne macinata di maiale; il succo di 2 arance; 1 uovo; 1/2 scorza d'arancia grattugiata; 3/4 cucchiai di pan grattato; 1/2 cucchiaio di coriandolo tritato finemente; 1 cucchiaio di parmigiano o grana grattugiato; 1/2 cucchiaino di curry; un pizzico di cardamomo; 2 cucchiai di olio di semi; sale e pepe q.b.
Preparazione:
Spremere le arance, filtrare il succo e tenerlo da parte. Mettere in una terrina la carne macinata, aggiungere l'uovo; il formaggio; la scorza d'arancia; il coriandolo; il curry; il cardamomo; il sale ed il pepe. Impastare tutti gli ingredienti, unire il pan grattato e continuare ad impastare. Non appena tutti gli ingredienti sono ben amalgamati fra loro, fare le polpettine.
Scaldare in una padella l'olio a fuoco basso e quando comincia a sfrigolare, aggiungere le polpette, farle rosolore ben bene da tutti i lati, girandole di tanto in tanto e poi unire il succo d'arancia. Lasciare cuocere sin quando il succo non si è ridotto di circa il 95%.. un po' vi serve per glassare e servite calde.
Personalmente non sopporto l'odore della carne, quindi unire tutte queste spezie nasce dall'esigenza di coprirlo ma, nel frattempo il gusto ci guadagna; sono veramente gustose.
Anche con questa ricetta partecipo alla raccolta "Il cibo in un boccone" di Sapori di Vaniglia.
Vino consigliato: BLANC DE FE' "NARDELLO"
Un vino bianco di produzione veneta prodotto con l'unione di tre diverse tipologie di uva: Chardonnay; Trebbiano e Garganega.
Di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli; è un vino vivace, morbido ed equilibrato che al palato risulta avvolgente e persistente.
Il suo bouquet olfattivo è delicato e progressivo, si avvertono infatti in successione aromi varietali; note di fiori di Sambuco; odori di foglia balsamica di salvia e per finire sensazioni agrumate come retrogusto.

domenica 21 marzo 2010

La scadenza... troppo vicina!!!


CIAMBELLA ALL'UVA SULTANINA
(dosi per 8/10 persone)
Ingredienti:200 gr. di farina "00"; 1 bustina di lievito; 170 gr. di uva sultanina; 0,5 dl. di Maraschino; 200 ml. di panna fresca; 1 pizzico di sale; 60 ml. di olio di semi; 2 uova; 1/2 cucchiaio di farina "00"; zucchero al velo q.b.
Preparazione:
Mettete l'uva sultanina in una ciotola, irroraratela con il Maraschino e fatela ammollare per un giorno.
Separate i tuorli dagli albumi; quest'ultimi montateli a neve fermissima con il pizzico di sale. Il liquore dovrebbe essersi assorbito tutto (a ah proposito in caso di bimbi si può sostituire con del succo di frutta), altrimenti tamponare l'uva sultanina su carta assorbente, infarinarla leggermente (questo evita che vada a depositarsi solo sul fondo della torta) e metterla in una terrina, dove aggiungerete i tuorli. Cominciate a mescolare con un cucchiaio di legno. Unite poco alla volta la farina setacciata con il lievito, alternandola alla panna che quindi non deve essere montata e continuate a mescolare; aggiungere l'olio e continuare a mescolare sino a che tutti gli ingredienti non si siano perfettamente amalgamati.
Travasate l'impasto nel vostro stampo, imburrato ed infarinato e mettete a cuocere in forno già caldo a 180° per 30 minuti. Sformatela, fatela raffreddare e cospargetela di zucchero al velo.
Scadenza troppo vicina dell'uva sultanina, cerco subito qualcosa e in un libro ho trovato questa ricetta che ho un po' modificato.. l'originale prevedeva 200 ml. di latte che non avevo; 200 gr. di uvetta ma i miei erano solo 170 gr.; il sale e l'olio li ho aggiunti io; quindi se volete provarla avete entrambe le versioni.
Fatto sta che è venuta una torta morbida ma non troppo, buona ma non eccessivamente dolce, quindi adatta ad una merenda; per far colazione e perché no, come dolce da picnic.

Prove... tecniche!!!



(dosi valide per 12 muffins)
Ingredienti:
2 uova; 170 gr. di zucchero semolato; 1 bustina di lievito vanigliato; 125 ml. di yoghurt naturale; 60 ml. di olio di semi; 350 gr. di farina "00"; 1 cucchiaio abbondante di gocce di cioccolata fondente; 100/150 gr. di cioccolata bianca; codette di zucchero colorate; granella di nocciole; cocco disidratato colorato di verde; perline argentate;granella di zucchero e monpariglia dorata q.b.
Preparazione:
Mettere in una ciotola le uova con lo zucchero e cominciare a lavorarle con le fruste elettriche ma non troppo; aggiungere lo yoghurt, l'olio e mescolate sino alla completa amalgama degli ingredienti. A parte setacciate la farina con il lievito ed incorporateli al composto precedentemente ottenuto ricordandosi di mescolare giusto un po', onde evitare che i muffin vengano gommosi e duri. Unire le gocce di cioccolata e mescolare ancora ma sempre mai troppo.
Riempite i vostri stampini per circa 3/4 della loro capienza e metterli in forno già caldo a 180° per circa 20/25 minuti.
Sformarli e farli raffreddare su una gratella, affinché l'umidità del forno si asciughi completamente. Una volta freddi servirli, magari spolverati di zucchero al velo o cacao amaro.
Nel mio caso servendomi come segnaposto per le imminenti feste pasquali, li ho glassati con cioccolato bianco fuso a bagnomaria; ho fatto l'occhio con una perlina argentata, infine decorato con varie cose e usando lo stampino apposito della Silikomart ho realizzato delle colombine
La ricetta non è mia ma di Micaela del "Criceto Goloso" che trovate QUI in tutta la sua bontà ed interezza.
Grazie.
Con questa ricetta partecipo ad "Una ricetta per il Santa Lucia" di Cooking Planner.

sabato 20 marzo 2010

Rosse... sempre loro!!!


(dosi valide per 6 cialde)
Ingredienti:
6 cialde cono; 300 gr. di fragole; 100 gr. di cioccolato fondente; 1 cucchiaio di miele; 100/150 ml. di panna fresca; 1 dl. di vino bianco; 3 sigarette wafer; 6 fragole.
Preparazione:
Lavate e tagliate le fragole (escluso le 6 che vi serviranno per decorare) a spicchi o dadini, come preferite (ricordarsi di lavarle sempre con il picciolo, così non assorbono acqua) e metterle a macerare nel vino addolcito con il miele per almeno un giorno, mescolando di tanto in tanto.
Fondete a bagnomaria circa 80 gr. di cioccolato fondente, sostituibile con cioccolato al latte o bianco se preferite e con questo spennellate l'interno delle cialdine, serve per non farle ammormidire con l'umidità delle fragole. Nel frattempo montate la panna e tenetela da parte.
Scolate le fragole dal liquido di macerazione, unite un po' di panna, tenendo da parte quella che servirà per decorare, mescolate per amalgamare bene gli ingredienti e farcite le vostre cialdine riempiendole quasi completamente. La panna rimasta mettetela in una tasca da pasticciere e con bocchetta a stella formate una specie di cappello sulle fragole; aggiungete qualche fragolina rimasta.
Ora lavate le 6 fragole, scavatele all'interno e posizionate ognuna di questa su mezza sigaretta wafer. Grattugiate finemente il cioccolato rimasto e mettelo nel succo di macerazione delle fragole mescolando per 1/2h circa, giusto il tempo di far amalgamare i sapori. Usate il liquido ottenuto, aiutandovi con un cucchiaio per bagnare un po' la superficie della vostra composizione di frutta.
Si sa... durante le feste che sia Natale o Pasqua, oltre a fare pranzi luculliani si mangiano anche tanti dolci, tradizionali e non; quindi questa ricetta nasce proprio per questo... frutta e dolce insieme; così almeno una portata in meno... per modo di dire ovviamente.
Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Pasqua nel piatto" di Ciccia Pasticcia che trovate QUI
P.S. Non preparare con largo anticipo perchè altrimenti le cialde rischiano di perdere croccantezza.

venerdì 19 marzo 2010

19 marzo... auguri!


TARTUFI AL PEPERONCINO
(dosi valide per circa 30/35 cioccolatini)
Ingredienti:
200 gr. di cioccolato fondente da copertura; 1 dl. di panna fresca; 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere; 30 gr. di burro; cacao amaro q.b.
Preparazione:
Portate ad ebollizione la panna con il peperoncino, quindi aggiungete girando in continuazione con una spatola di gomma il cioccolato ridotto a scaglie ed il burro ammorbidito a pezzettini.
Amalgamate bene tutti gli ingredienti e lasciate raffreddare. Riempite con la ganasce così ottenuta una tasca da pasticciere con bocchetta liscia di 9/10 mm. e con questa formate delle semisfere su un vassoio ricoperto da carta forno.
Lasciatele rassodare a temperatura ambiente e poi, girandole tra le mani inumidite, date loro la foma di palline.
Passate i vostri tartufi nel cacao amaro; mettete nei pirottini se volete e servite.
Inutile dirvi che ovviamente saranno un po' piccanti, ma tanto buoni.
In ritardo, la giornata è quasi finita, ma spero egualmente graditi.

domenica 14 marzo 2010

Morbida... profumata!!!



MOUSSE ALLE FRAGOLE
(dosi valide per 4/6 persone)
Ingredienti:
250gr. di fragole; 200 ml. di panna fresca; il succo di un'arancia e di un limone; 1 cucchiaio di zucchero semolato; 4 cucchiai di zucchero al velo; riccioli di cioccolato fondente q.b. e topping alle fragole.
Preparazione:
Pulite e tagliate le fragole a tocchetti, mettetele a macerare per un giorno intero con il succo di arancia; limone ed il cucchiaio di zucchero.
Montate a neve ben ferma la panna con lo zucchero al velo, unite le fragole sgocciolate dal loro liquido di macerazione e ridotte in purea. Mescolate bene cercando di non far smontare la panna e servite in coppette, decorando a piacere. Io ho usato riccioli di cioccolato fondente e toping alle fragole.
E' la stessa mousse fragolosa usata QUI quindi, oltre ad essere ottima da mangiare così, è buona anche da utilizzarsi come farcia per torte anche perchè essendo uova free è molto leggera ma gustosa allo stesso tempo.
Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Giallo Zafferano del mese di maggio dedicata alle fragole.

Caldo e... o freddo!!!


INVOLTINI DI PROSCIUTTO
(dosi valide per 2/4 persone)
Ingredienti:
200 gr. di prosciutto cotto; 250 gr. di mozzarella di bufala; 8/10 pomodorini ciliegia; 1 mazzetto di odori ed erbe (coriandolo; rucola; basilico e timo); 1 pizzico di pepe o peperoncino; parmigiano o grana grattugiato q. b.
Preparazione:
Pulire e tagliare a spicchietti i pomodorini; tagliare a tocchetti la mozzarella e tritare il vostro mazzetto (potete sostituirlo con altri aromi); mettere tutto in una terrina, aggiungere il pepe e mescolare.
Stendete le fette di prosciutto, farcitele con il composto e richiuedetele a fagottino o involtino, cercando di non far fuoriuscire il condimento.
Spolverate i vostri fagottini di formaggio grattugiato e poneteli in forno a 190° per almeno 15 minuti.
Questa ricetta è di Grazia, una carissima amica e sempre su consiglio della stessa anche d'estate, quindi senza il passaggio in forno sono buonissimi. Per quanto riguarda la versione calda le do un 10 ha ragione; sono molto gustosi.. per la versione fredda, aspetterò di provarli ma, intanto ad occhi chiusi, diciamo sulla fiducia le do un 7.
P.S. Grazie Grazia.. e se passi di qui, correggimi pure laddove ho sbagliato.
Ovviamente come tutti gli antipasti può diventare un secondo ottimo nella sua semplice bontà.

Il ricordo... di una gita!!!


PENNE ALLA VODKA
(dosi valide per 2/3 persone)
Ingredienti:
200 gr. di pomodori pelati a dadini; 1 spicchio d'aglio; 1/2 cipolla; 140 gr. di penne rigate; 0,50 dl. di vodka (non aromatizzata); 100 ml. di panna da cucina; qualche fogliolina di basilico spezzettata; 2 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva; sale e peperoncino q. b.; parmigiano o grana grattugiato (facoltativo).
Preparazione:
Preparate il condimento (quest'ultimo è valido per 3 persone, la pasta ovviamente no). Sbucciate l'aglio ed intero immergetelo nel bicchierino di liquore. In una capace padella, mettete a scaldare l'olio con il sale ed il peperoncino, fate appassire la cipolla finemente tritata e poi unite i pomodori pelati.
Fate cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti; alzate un po' la fiamma ed unite la vodka senza lo spicchio d'aglio e fate evaporare. Riabbassate la fiamma ed aggiungete la panna ed il basilico. Fate cuocere sino alla completa amalgama degli ingredienti per altri 8/10 minuti, assaggiate per vedere se manca sale o peperoncino, per tastare se i pomodori sono cotti e poi spegnete.
Nel frattempo fate lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nella padella del condimento. Riaccendete il fuoco al minimo e cominiciate a mescolare il tutto. Spolverate di formaggio se volete e servite.
La prima volta che mangiai questo piatto, che nonostante la sua semplicità ha incontrato il favore di palati anche abbastanza sofisticati, è stata in gita a Roma, durante l'anno della maturità.. mi piacque così tanto che non appena rientrai a casa ho provato a rifarla. Ovviamente non so se è la ricetta giusta, fatto sta che davvero piace a tutti e per quanto concerne la vodka, no problem; vale lo stesso discorso per le bagne a base di liquore nei dolci, in cottura l'alcool evapora.

Vino consigliato: CORVO ROSATO "DUCA DI SALAPARUTA"
Un buon vino di produzione siciliana, dal colore rosato brillante con riflessi ciliegia. Il suo profumo è ricco; fragrante ed elegantemente fruttato con sentore di piccoli frutti di bosco; al sapore invece risulta armonico; di buon corpo; vivace; brioso e mediamente persistente.
E' un vino da bere giovane, al massimo entro due anni dall'imbottigliamento e si abbina con antipasti ricchi; primi vari, nonché a piatti a base di pesce o carni bianche.

Finalmente... son tornate!!!



MINI ZUCCOTTINI FRAGOLOSI
(dosi valide per 2/4 persone)
Ingredienti:
200 ml. di panna fresca; 250 gr. di fragole; il succo di un'arancia e di un limone; 1 cucchiaio di zucchero; 4 cucchiai di zucchero al velo; 3/4 pacchetti di pavesini; cioccolato bianco grattugiato q. b.; gelatina di albicocche.
Preparazione:
Pulire e tagliere le fragole a tocchetti, metterle a macerare per un giorno intero con il succo degli agrumi filtrati ed il cucchiaio di zucchero semolato.
Montate a neve la panna con lo zucchero al velo; scolate le fragole ma non buttate il succo di macerazione e frullatele. Unite la purea di fragole alla panna e continuate a montare, così da amalgamare bene i due composti.
Prendete delle coppette e ricopritele con pellicola alimentare, facendo in modo che la stessa fuoriesca dai bordi; con i pavesini leggermente bagnati nel succo di macerazione della frutta, rivestite il fondo e le pareti della vostra formina; mettetete un paio di cucchiai di mousse alle fragole; un altro strato di pavesini pressando un po' e poi d nuovo la mousse e chiudete con i pavesini.
Chiudete la pellicola alimentare che strasbordava sul vostro zuccottino; mettete un piccolo peso sopra e ponetelo in frigo per almeno 6 h.
Sformatelo; lucidatelo con gelatina di albicocche sciolta a bagnomaria e poi ricoprite sia il bordo che il sopra con dei riccioli di cioccolato bianco.
Un veloce dessert nato per cominciare a far onore alle fragole che adoro; ottimo come merenda romantica ma anche come dolcetto mono porzione per ospiti.
Con questa ricetta partecipo alla raccolta "La frutta nel tuo piatto" di Rossairlandese del blog La farina tra le mani che trovate QUI ed al concorso "Un'estate da fragola" di dolcitorte.it ed anche alla raccolta de "La cucina di Irina".

sabato 13 marzo 2010

Si cerca di... rassodarla!!!



BIGNE' SALATI
(dosi valide per 10/12 bigné)
Ingredienti:
4 uova; 100 ml. di panna da cucina; 12 bigné; 1 cucchiaino di timo fresco; 1 cucchiaio di parmigiano o grana grattugiato; 100 gr. di pancetta a dadini; 1 pizzico di sale; pepe misto (verde; rosa; nero; bianco) macinato al momento q.b.
Preparazione:
In una padella già riscaldata, mettere la pancetta; il timo; il sale ed il pepe e far sfrigolare a fuoco lento. Appena la pancetta comincia a dorarsi aggiungere la panna ed il formaggio e mescolare.
Unire le uova e strapazzarle, mescolandole continuamente sin quando saranno cotte. Con questo composto farcire i vostri bigné e servirli tiepidi o freddi.
Per ridurre il contenuto calorico non ho aggiunto altro olio o burro, ma ho sfruttato il grasso della pancetta stessa.
Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Ma che si fa con la pancetta" che trovate QUI ... e quindi si spiega il gioco allusivo del titolo.

Partecipo anche alla raccolta di Federica del blog Note di cioccolato "Un uovo per amico".

Insolitamente... particolare!!!





CESTINI CON FRAGOLE
(dosi valide per 2/4 persone)
Ingredienti:
100 gr. di parmigiano grattugiato; 300 gr. di fragole; 1 mazzetto di rucola; qualche goccia di succo di limone; olio extra vergine d'oliva, sale e pepe q.b.
Preparazione:
Preparate i cestini di formaggio.. qui le correnti di pensiero sono diverse, chi fa scaldare la padella ed una volta raggiunta la temperatura ottimale vi si spande sù un paio di cucchiaio di parmigiano che dovrrebbe fondersi e poi con cautela, toglierlo dalla padella e metterlo su un bicchiere o su una ciotolina per dargli la classica forma; altri invece fanno fondere il formaggio in forno... Io visto che con entrambi i metodi non ci sono riuscita ho trovato il mio metodo... una padella leggermente unta d'olio di semi, un pezzo di carta forno sù e poi tutto uguale agli altri.. L'unica cosa sulla quale penso tutte le correnti di pensiero siano concordi è la cautela, cautela nel maneggiarli caldi e dargli la forma desiderata.
Una volta preparati i cestini, che si possono anche mettere in frigo e si mantengono bene, quindi possono essere preparati pure in anticipo, tutto il resto è più facile e possono essere farciti con tante e tante cose, vedere per esempio QUI
Stavolta ho usato un'insalata di fragole, ricetta che non conoscevo e mi è stata data tempo fa da una persona a me molto cara.
Lavare e tagliare le fragole; condirle con olio; sale; pepe; succo di limone e rucola tagliata finemente... e les jeux soin fais, avrete ottenuto il vostro insolito ma elegantissimo nonché buonissimo antipasto anche adatto ad una cena importante. Come tutti gli antipasti può anche diventare un contorno speciale per un piatto più semplice come nel mio caso, salsiccia arrostita.
Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Giallo Zafferano del mese di maggio dedicata alle fragole e partecipo anche a La cucina di Irina con la sua "La raccolta delle fragole".

venerdì 12 marzo 2010

Circa... meno...quasi!!!



STRACCETTI ALL'ACETO BALSAMICO
(dosi valide per 2 persone)
Ingredienti:
350/400 gr. di straccetti di manzo; 2 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva; 50 gr. di rucola; 50 gr. di parmigiano o grana a scaglie; 2/3 cucchiai di aceto balsamico di Modena; sale e pepe q. b.
Preparazione:
Fate scaldare l'olio a fiamma bassa, una volta caldo mettete la carne e fatela rosolare ben bene da tutti i lati alzando un po' la fiamma, rimestandola in continuazione. Finite di cuocere la carne a fuoco moderato, regolate di sale e pepe. Unitela immediatamente all'emulsione di rucola, tagliuzzata finemente; aceto balsamico e scaglie del formaggio scelto che avevate precedentemente preparato e mescolate al fine di far amalgare tutti gli ingredienti tra loro.
Le scaglie di formaggio si scioglieranno con il tepore degli straccetti e l'aceto non sprigionerà nessun forte odore, perchè non sarà cotto, ma solo intiepidito naturalmente.
Circa.. meno.. quasi.. Non ho pesato nulla, mi sono proprio dimenticata di quantificare i miei TOT; solo adesso in fase di trascrizione ho cercato di dare un peso alla mia mano; ai miei occhi; etc... Scusate!

Vino consigliato: REMOLE "FRESCOBALDI"
E' un vino dal colore rosso rubino non intenso però, prodotto con uve Sangiovese e Cabernet provenienti da zone della Toscana.
Il suo bouquet olfattivo è costituito da un profumo vinoso, carico di aromi primari; mentre al gusto è armonico; morbido e gradevole.
Un classico vino da pasto per uso quotidiano adatto anche ad antipasti di terra; salumi non troppo speziati e minestrone.
Con questa ricetta partecipo alla raccolta "In forma con gusto" che trovate QUI

Novella... in spiaggia!!!


(dosi valide per 4 persone)
Ingredienti:
600 gr. di patate novelle; 50 gr. di mandorle tritate; 100 gr. di pangrattato; 100 gr. di pecorino grattugiato; 2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva; un trito di aglio, prezzemolo, sale e pepe q.b.
Preparazione:
Lessate le patate partendo da acqua fredda per almeno 20 minuti dall'ebollizione. Scolatele ed ancora umide e calde fatele rotolare nel mix ottenuto, mescolando insieme tutti gli altri ingredienti eccetto l'olio.
Sistemate su una teglia unta, conditele con un filo d'olio ed infornatele in forno caldo a 190° per altri 20/25 minuti circa.
Servitele come contorno.

mercoledì 10 marzo 2010

Una tantum.. peccato!!!



(dosi valide per 8/10 persone)
Ingredienti:
3 uova; 3 mele delicius (600 gr. circa); 1 vasetto di yoghurt naturale da 125 ml.; 2 vasetti da 125 ml. di zucchero semolato + 1 cucchiaio; 3 vasetti (usare come dosatore un vasetto di yoghurt vuoto e pulito ovviamente) di farina "00"; 1 bustina di lievito vanigliato; 1/2 vasetto di olio di semi; 1 pizzico di sale; il succo di un limone filtrato; 1 cucchiaio di scorza di limone grattugiata; 1 cucchiaio di rhum; 1 cucchiaio di cannella in polvere; 1 cucchiaio di zucchero di canna; zucchero al velo q.b.
Preparazione:
Anzitutto cominciate a scaldare il forno a 180°. Sbucciare 2 mele, tagliarle a fettine sottili e metterle a macerare con il succo di limone (così non anneriscono), il rhum, il cucchiaio di zucchero, 1/2 cucchiaio di cannella e la scorza; amalgare bene cercando di non rompere le fettine di frutta.
Montate le uova intere con lo zucchero semolato ed il pizzico di sale, con le fruste elettiche sino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, unite un po' alla volta la farina, facendola man mano assorbire e poi cominciate ad inglobare gli alri ingredienti tenendo sempre per ultimo il lievito; quando metterete le mele unite anche il succo dove sono state fatte macerare; conferiscono aroma e sapore. Gli unici ingredienti che non vanno aggiunti adesso sono lo zucchero di canna, lo zucchero al velo e la polvere di cannella rimasta.
Mescolate ed amalgamate bene il tutto e travasate il composto ottenuto nella teglia che è stata prima imburrata ed infarinata (questo passaggio può essere sostituito da olio di semi per lucidare la teglia quindi aiutandosi con un pennello o con un foglio di carta cucina e pangrattato).
Sbucciate ed affettate velocemente l'altra mela, disponetela a raggiera sopra l'impasto e cospargete la superficie con lo zucchero di canna mescolato alla cannella rimasta precedentemente. In forno per circa 50 minuti; anche stavolta prova stuzzicadenti più attendibile. Una volta cotta la torta sformatela e non appena si fredda spolveratela con abbondante zucchero al velo.
A mio marito non piaccono le mele e quindi, faccio questa torta veramente di rado, purtroppo! Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Il tempo delle mele" di Stefy & Rosy de L'ennesimo blog di cucina.

E' tornato.. l'inverno!!!





(dosi valide per circa 40 cioccolatini)
Ingredienti:
200 gr. di farina di cocco; 100 ml. di panna fresca; 70 gr. di zucchero al velo; 70 gr. di burro; 300 gr. di cioccolato al latte.
Preparazione:
In una ciotola mescolate la farina di cocco con lo zucchero al velo. In una casseruola scaldate la panna con il burro sino al completo scioglimento di quest'ultimo.
Unite il composto di panna alla farina di cocco e mescolate per amalgamare bene gli ingredienti. Formate con le mani il cuore dei cioccolatini, disponeteli in un vassoio protetto da carta forno (io ho usato le teglie in alluminio usa e getta), copriteli con pellicola alimentare e mettete in frigo per almeno 1h abbondante.
Sciogliete a bagnomaria il cioccolato spezzettato o grattugiato (cominciate con 200 gr.) e tuffatevi i "cuori" di cocco, uno allo volta ed aiutandovi con due forchette, ricopritelo interamente di cioccolato, fate scolare quello in eccedenza e rimetteteli nello stesso vassoio o teglia di prima. Man mano che il cioccolato si indurisce aggiungetene dell'altro (50+ 50 gr.); rifondete a bagnomaria e continuate sino ad esaurimento degli ingredienti. Rimettete in frigo per altri 60/75 minuti.
Il cioccolato essendo solo di copertura, può benissimo essere sostituito da cioccolato fondente se piace, o cioccolato alla menta; al peperoncino e via alla vostra fantasia o preferenza gustativa.
La prima volta che feci questi cioccolatini li trovai sulla rivista "Più dolci" dicembre 2008 come dolcetti al cocco ma facendoli mi davano già l'impressione di essere i bounty; assaggiandoli non ho avuto dubbi.. sono LORO e, da allora li faccio sempre, ma per Natale; da regalare... beh visto che qui sta nevicando, mi è sembrato il caso di rispolverarli anzitempo.
Facile da fare, buoni da mangiare e quindi perché non farli partecipare allo speciale Natale della "Cometa Pasticciona"?! Mara ed Alberto anche questa ricetta diventa vostra e del vostro bellissimo progetto.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...